Avvenire di Calabria

Ex agente della squadra mobile di Palermo con un passato nei servizi segreti

Muore in spiaggia ‘Faccia da mostro’

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

E' morto stamani stroncato probabilmente da un malore Giovanni Aiello, l'ex poliziotto della Mobile di Palermo con passato nei servizi, conosciuto come "faccia da mostro".

L'uomo, che da anni viveva a Montauro, sulla costa ionica catanzarese, è deceduto tra i bagnanti mentre cercava di portare a riva la propria barca. Dopo avere tirato su l'imbarcazione assieme ad altri bagnanti che lo hanno aiutato Aiello si è accasciato esanime. Aiello, che aveva 71 anni, è stato soccorso immediatamente dalle persone che si trovavano nella spiaggia.

E' stato anche utilizzato un defibrillatore, recuperato in una struttura balneare vicina, ma non c'è stato nulla da fare. La morte potrebbe essere stata causata da un infarto; sul caso è stata disposta l'autopsia. Nei giorni scorsi il suo nome era tornato alla ribalta per i presunti rapporti con Bruno Contrada, nell'ambito di una inchiesta della Procura di Reggio Calabria che indaga su un patto stretto tra 'ndrangheta e Cosa nostra, negli anni delle stragi, per destabilizzare lo Stato.

Articoli Correlati

Rinviato il processo ‘Ndrangheta stragista

‘Ndrangheta stragista. Rinviato il processo d’appello contro i boss Graviano e Filippone, un anno fa condannati in primo grado all’ergastolo per l’omicidio dei carabinieri Fava e Garofalo.

L’intesa per il Golpe

Nomi e pagine che non passano. A cominciare dai legami tra Bruno Contrada, ex numero due del Sisde processato per concorso in associazione mafiosa, e Giovanni Aiello, con un passato nei servizi segreti, e una vita con la «faccia da mostro».

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.