Avvenire di Calabria

Nel giorno dell'Immacolata organizzata un'importante raccolta fondi a Piazza Italia

Natale all’insegna della solidarietà per i pasticceri calabresi: ecco perché

I presidenti di Conpait: «Siamo felici di poter aiutare per questo Natale l'Hospice via delle Stelle»

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Natale all'insegna della solidarietà per i pasticceri calabresi. «Solidarietà, socialità e gusto». Sono le tre parole d'ordine con cui la Confederazione Pasticceri Italiani vuole celebrare il Natale sono rispolverando la tradizione dolciaria locale, ma attraverso segni concreti.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


L'appuntamento è per l'8 dicembre, giorno dell'Immacolata. In Piazza Italia "speranza e gola" si incontrano per la più tradizionale delle "crispellate", accompagnata da un buon gelato. L'incasso della vendita sarà interamente devoluto all'Hospice via delle Stelle. Il Natale di solidarietà dei pasticceri reggini è dunque dedicato alla struttura di cure palliative.

Nonostante le difficoltà, l'Hospice da quasi 15 anni presta un servizio prezioso per pazienti bisognosi di cure palliative e loro famiglie. «Siamo veramente felici di poter aiutare realtà così importanti per tutto il territorio», affermano il presidente nazionale Conpait Angelo Musolino e Davide De Stefano presidente Conpait gelato.


PER APPROFONDIRE: Campo Calabro, manca poco all’apertura dell’emporio solidale


«L’Hospice compie quotidianamente interventi fondamentali per la salute dei pazienti. Con le nostre crispelle ed i tanti gelati, oltre che con la nostra consueta professionalità, cercheremo di apportare quel piccolo contributo alla causa, soprattutto in un periodo come il Natale. Invitiamo, per questo motivo, tutti i cittadini alla partecipazione. Un piccolo morso può portare un grande aiuto e noi della Conpait siamo pronti».

Articoli Correlati

Sanità, fra carisma e diritto alla cura

La riflessione al 25° Convegno nazionale di Pastorale della Salute che si è svolto dal 7 al 15 maggio dal titolo: «Non ho nessuno che mi immerga. Universalità e diritto alle cure»