Avvenire di Calabria

Una nomina da tempo nell'aria, l'ha decisa a maggioranza il Consiglio superiore della magistratura

Nicola Gratteri pronto a salutare la Calabria, è il nuovo procuratore di Napoli

Il magistrato di Gerace ha ottenuto 19 voti favorevoli contro i 5 di Amato e gli 8 di Volpe

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nicola Gratteri si appresta a salutare Catanzaro e la Calabria. Il Csm, infatti, ha deciso. Sarà lui il nuovo procuratore della Repubblica di Napoli.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Nicola Gratteri guiderà dunque la Procura della Repubblica di Napoli. Il capo dei pm di Catanzaro è stato nominato dal Csm a maggioranza alla guida della procura più grande d'Italia.

Il posto di procuratore di Napoli era scoperto da quasi un anno e mezzo, da quando Giovanni Melillo lo aveva lasciato per assumere l'incarico di capo della Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo.

Il 65 enne magistrato nativo di Gerace ha ottenuto 19 voti, prevalendo sugli altri due candidati: Giuseppe Amato che ha ottenuto 5 voti e Rosa Volpe che ha raccolto, invece, 8 preferenze. A favore di Gratteri anche il vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura Pinelli.

A Napoli Gratteri incontrerà un altro conterraneo illustre

Costretto a vivere da tempo sotto scorta perché bersaglio dei boss, Nicola Gratteri, dunque, si appresta a lasciare lavorativamente parlando la Calabria in cui è nato e dove, per oltre 30 anni ha contrastato la 'ndrangheta mettendo a segno importanti risultati, assicurando alla giustizia pericolosi boss e malviventi. Lo ha fatto prima a Reggio e poi da procuratore capo di Catanzaro. Un impegno contro la criminalità organizzata e il malaffare pronto a proseguire adesso nell'altrettanto difficile terra campana.


PER APPROFONDIRE: Gratteri: «La Chiesa ha fatto passi da gigante»


Ad attendere Gratteri a Napoli ci sarà, fra gli altri, un altro calabrese "illustre", monsignor Mimmo Battaglia, arcivescovo metropolita di Napoli. Anche lui, come Gratteri, capace di conquistare le prime pagine e far breccia nei cuori della gente per un modo "diretto" di affrontare le questioni, con quella tipica genuinità che appartiene alla Calabria, resa tale da fede e valori intramontabili.

Nicola Gratteri nuovo procuratore di Napoli, gli auguri del vescovo di Locri-Gerace monsignor Oliva

Di seguito gli auguri del vescovo di Locri - Gerace, monsignor Francesco Oliva, a nome della comunità diocesana, al dottor Nicola Gratteri, nuovo procuratore capo di Napoli:

La nomina del dottor Nicola Gratteri alla guida della procura della Repubblica di Napoli è il naturale e giusto riconoscimento del suo instancabile impegno per contrastare la ndrangheta e ogni forma di criminalità.

Conosciuto e ammirato in tutto il mondo per la capacità di condurre le sue indagini, il dottore Gratteri è figlio di questa terra, la Locride, essendo di Gerace e, come i figli migliori nati e cresciuti in questo angolo della Calabria, continua a dimostrare che con la tenacia, la caparbietà e la serietà si possono raggiungere in ogni campo risultati insperati.

Nella persona del nuovo procuratore di Napoli vediamo raccolte le qualità del buon magistrato indicate dal beato giudice Rosario Livatino: «L’indipendenza del giudice non è solo nella propria coscienza, nella libertà morale e nella fedeltà ai principi, ma anche nella trasparenza della sua condotta, anche fuori del suo ufficio, nella libertà e nella normalità delle sue relazioni, nella sua indisponibilità a iniziative e affari, nella scelta dell’amicizia».

Ecco, al dottor Gratteri auguriamo di proseguire il suo lavoro sulla scia di queste indicazioni, mentre gli rivolgiamo il nostro sentito “grazie” per l’azione svolta in Calabria e per aver saputo contrastare, con duri sacrifici personali e familiari, la ndrangheta riconosciuta da tutti come una delle più potenti organizzazioni criminali che esistono.

Auguri dottor Gratteri, buon prosieguo del suo lavoro.

Articoli Correlati

Sanità, fra carisma e diritto alla cura

La riflessione al 25° Convegno nazionale di Pastorale della Salute che si è svolto dal 7 al 15 maggio dal titolo: «Non ho nessuno che mi immerga. Universalità e diritto alle cure»