Avvenire di Calabria

È l'occasione per riflettere sull'impegno volto a costruire una piattaforma di valori condivisi per lo sviluppo solidale dell'uomo e dell'ambiente

Oggi è la Giornata mondiale del lavoro sociale, le iniziative in Calabria

In Calabria si registra l'adesione dell'Ordine regionale degli Assistenti sociali

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Oggi è la Giornata mondiale del lavoro sociale. Il tema di quest'anno è "Co-costruire un nuovo mondo eco-sociale: non lasciare indietro nessuno". Il tema della Giornata mondiale del lavoro sociale coincide con il tema del Summit dei popoli che si terrà dal 29 giugno al 2 luglio.

Giornata mondiale del lavoro sociale, origini

La prima Giornata mondiale del lavoro sociale risale al 2007. Per risalire alle origini bisogna però fare un passo indietro, ai primi anni ottanta. Nel 1983 per iniziativa della Ifsw, la Federazione internazionale degli Assistenti sociali, gli operatori sociali entrano a far parte a pieno titolo delle Nazioni Unite. Un ingresso che dà la possibilità di aggiungere visibilità al loro operato e di collaborare, allo stesso tempo, in maniera più agevole con le Ong umanitarie di riferimento.

L'edizione 2022

Lo slogan scelto per l'edizione 2022 della Giornata mondiale del lavoro sociale - "Co-costruire un nuovo mondo eco-sociale: non lasciare indietro nessuno" - sottolinea il ruolo fondamentale delle persone, gruppi e istituzioni nel costruire una piattaforma di valori condivisi per uno sviluppo solidale dell'uomo e dell'ambiente.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


La Giornata, sulla scia della pandemia e della crisi climatica, si rivolge a centinaia di milioni di persone in tutto il mondo che quotidianamente offrono il proprio contributo ai valori di solidarietà e giustizia.

Le adesioni

Alla Giornata mondiale del lavoro sociale aderisce anche l'Ordine professionale degli Assistenti sociali della Calabria.
«La Giornata Mondiale del lavoro sociale 2022 è pertanto un’occasione importante per chi opera come noi per costruire reti e favorire percorsi a supporto delle persone e delle comunità». È quanto afferma Danilo Ferrara, presidente dell'Ordine calabrese.

Per Ferrara «occorre riflettere sulle possibili e ulteriori strategie d’intervento; restituire dignità alle persone ed ai territori, partendo proprio dalla conoscenza dei propri diritti e da una ritrovata umanità. Ci siamo molto spesi per organizzare un momento di sintesi e di discussione su questi temi».

Il lavoro sociale si traduce non a caso nell’ascolto, nella condivisione, nel supporto e nell’affiancamento alle fragilità, è un’attività professionale particolarmente complessa, i cui risultati non sono sempre immediati. «L’impegno trasversale degli assistenti sociali nella presa in carico delle persone più vulnerabili, in particolare di chi è vittima di povertà, esclusione e discriminazioni, ma attualmente si potrebbe dire anche della pandemia e delle guerre, apre ulteriori vie di dialogo e confronto, interroga tutti sulle responsabilità a cui si è chiamati, invita ciascuno ancora una volta a fare la propria parte. Ad essere comunità».

Giornata mondiale del lavoro sociale, l'evento

L’Ordine degli Assistenti sociali della Calabria ha organizzato un evento on line, di ampio respiro, per il prossimo 29 marzo.

Il Croas declinerà il macrotema delle politiche sociali in Calabria. Lo farà insieme ad altri partners istituzionali. Vi partecipano il Dipartimento di Giustizia Minorile e di Comunità della Calabria, l’Università della Calabria e l’Università per Stranieri “Dante Alighieri”,


PER APPROFONDIRE: Disarmo e Servizio civile, per dire no alla guerra occorre costruire la Pace


I riflettori saranno dunque puntanti, annuncia una nota, sui metodi di programmazione e buone prassi; sulla promozione della cittadinanza e di pratiche e politiche per una società inclusiva. Ci saranno, sugli argomenti, diverse tavole rotonde e diverse sessioni di lavoro e dibattito. Un'occasione, insomma, per raccogliere testimonianze e proposte, grazie al coinvolgimento dei principali attori sociali della regione.

Articoli Correlati

Cittadella dell’Immacolata, oasi di pace per i bimbi ucraini

Dagli scenari di guerra alla protezione della Cittadella dell’Immacolata di Bagnara: bambini ucraini in fuga ritrovano la pace nell’estremo lembo dello Stivale e, soprattutto, la gioia di poter giocare nuovamente insieme, senza alcun pericolo.

Violenza di genere, la mamma ferita: «Così sono rinata»

Una storia di maltrattamenti consumata tra le mura domestiche, può trasformarsi in un vero e proprio esempio per quante hanno ancora paura di dire «basta». La testimonianza della giovane donna, finalmente uscita dal tunnel in cui era piombata: «Oggi mi sento finalmente donna, grazie al Centro antiviolenza “Angela Morabito” di Reggio Calabria e all’amore di mia figlia»