Avvenire di Calabria

Il Safer Internet Day è l'occasione per sensibilizzare l'opinione pubblica e soprattutto i più giovani ad un corretto uso della rete

Oggi è la Giornata mondiale della sicurezza in rete: la proposta

L'allarme dei Coordinamento docenti dei diritti umani: «Attenzione, tante le insidie che si celano sul web»

di Romano Pesavento *

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani, in occasione della Giornata mondiale della sicurezza in rete (Safer Internet Day), che si celebra l’8 febbraio, ritiene fondamentale divulgare pratiche appropriate per usufruire dei canali social e sensibilizzare i giovani sull’uso corretto della rete.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Il web negli ultimi anni sta diventando sempre più pericoloso per la navigazione dei giovanissimi. I banner apposti sui videogiochi sono trappole apposte con cui moltissimi adolescenti vengono adescati dai siti pornografici. Ancora oggi molte famiglie non sono adeguatamente informate e vivono con superficialità il mondo virtuale. I minori tendono sempre più a violare le norme della privacy dei social media costruendo profili falsi e navigando in modo spregiudicato in siti pericolosi. Tutto ciò si verifica sia per il desiderio di sentirsi adulti sia per l’emulazione di compagni considerati modelli da seguire. In base all’esperienza di molti insegnanti spesso alcuni genitori, specie nelle aree più periferiche e arretrate, sono consapevoli del fatto che il profilo del proprio figlio è falso, vista l’età inferiore a quella richiesta dalla normativa per l’iscrizione al Social. Eppure minimizzano e a volte si compiacciono delle visualizzazioni, dei like e di eventuali follower.

I "falsi" miti della rete

Tanti ragazzi aspirano al successo facile, a diventare influencer, star dei social; magari hanno velleità artistiche e si fanno riprendere mentre ballano e cantano; scattano fotografie anche in ambienti non idonei come quelli scolastici. In momenti in cui la vigilanza non può essere sempre garantita (es. cambio dell’ora, entrata / uscita dalle aule / servizi igienici, etc.). Ebbene ignorano di esporre sé stessi e i propri pari a rischi di forte entità. Ma soprattutto ignorano di commettere un reato mentre divulgano materiale audiovisivo non autorizzato e con contenuti compromettenti. Il comportamento dei giovani purtroppo è fortemente determinato dai condizionamenti di una società “liquida” in cui l’apparire prevale sull’essere.

Giornata mondiale della sicurezza in rete, i consigli

La Polizia Postale e delle Comunicazioni da anni è impegnata nelle scuole per sensibilizzare le comunità educative sull’uso consapevole della rete. Il progetto Generazioni connesse promosso dal Ministero dell’Istruzione è uno strumento importante per le modalità operative proposte, i consigli pratici resi a disposizione e le iniziative previste per la giornata mondiale (https://www.generazioniconnesse.it/site/it/2022/02/08/sid-safer-internet-day-2022/)

Sono dati importanti quelli relativi alla pedopornografia, adescamento, cyberbullismo, sextortion, furto d'identità digitale, alle truffe online elaborati dal Cncpo, il Centro nazionale per il contrasto alla pedopornografia online, qualche tempo fa: “nel 2020 sono stati 4208 contro i 2379 del 2019 con un aumento del 77% i reati sul web con vittime i minori; per l'adescamento di minori online siamo passati dai 14 casi del 2018 ai 41 del 2020; l'estorsione sessuale nel 2019 riguardava due casi tra 0 e 13 anni nel 2019, ora siamo a 14 casi e 9 di questi riguardano minori di 9 anni” (https://www.interno.gov.it/it/notizie/sul-web-aumentano-i-reati-contro-i-minori-e-abbassa-leta-anagrafica-vittime).


PER APPROFONDIRE: Nuovi poveri a Reggio Calabria, tantissimi sono “ex” precari


Il CNDDU aderisce alle iniziative previste nella giornata mondiale e sollecita i colleghi a inviare i propri contributi didattici e riflessioni per condividerle (email: coordinamentodirittiumani@gmail.com). #SicuramenteRete    

*presidente CNDDU

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.

Scilla e la devozione per San Rocco

La Chiesa celebra oggi San Rocco, tra i santi più illustri del secolo XIV e uno dei più cari a tutta la cristianità. Da quasi sei secoli, la comunità di Scilla, rinnova il suo legame con il Santo Patrono.