Avvenire di Calabria

Al Colosseo Papa Francesco e i leader delle religioni mondiali pregheranno uniti per invocare il dono della pace

Oggi la preghiera per la pace in Ucraina e nel mondo

La «grande invocazione a Dio» sarà trasmessa in diretta su Tv2000 a partire dalle 16.30

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Oggi è il giorno della preghiera per la pace in Ucraina e nel mondo a chiedere la quale è papa Francesco. Il Santo Padre e i rappresentanti delle religioni mondiali si uniranno in preghiera al Colosseo spiritualmente con tutti i fedeli del mondo.

Lo ha ricordato, domenica, durante l'Angelus. Papa Francesco si recherà oggi al Colosseo per pregare insieme ai leader delle religioni mondiali per la pace in Ucraina e nel mondo. Tutti riuniti a Roma per l'incontro "Il grido della pace: religioni e culture in dialogo", promosso dalla Comunità di Sant'Egidio.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Come da invito dello stesso Santo Padre, ci si potrà unire spiritualmente «a questa grande invocazione a Dio», perché la preghiera, dice ancora Francesco, «è la forza della pace». Dunque, «continuiamo a pregare per l'Ucraina così martoriata».

L'incontro di preghiera per la pace in Ucraina e nel mondo sarà trasmesso in diretta da Tv2000, l'emittente televisiva della Conferenza episcopale italiana, a partire dalle 16.30. Chi vorrà potrà, dunque, unirsi in preghiera con il Santo Padre, i rappresentanti di tutte le religioni del mondo e i fedeli che si ritroveranno questo pomeriggio al Colosseo a Roma.


PER APPROFONDIRE: Cittadella dell’Immacolata, oasi di pace per i bimbi ucraini


Oltre che per l'Ucraina, il Papa ha chiesto una preghiera particolare anche per la fine del conflitto in Etiopia. «Ancora una volta ripeto con animo accorato - le parole di Bergoglio pronunciate domenica all'Angelus - che la violenza non risolve le discordie, ma soltanto ne accresce le tragiche conseguenze. Faccio appello a quanti hanno responsabilità politiche, affinché cessino le sofferenze della popolazione inerme e si trovino soluzioni eque per una pace duratura in tutto il Paese».

Articoli Correlati

Calabria, la nuova sfida è la sostenibilità

“Tra terra e acqua: sfide e opportunità per una Calabria più sostenibile” è il tema della giornata di studio e approfondimento, organizzata dipartimento Territorio e Tutela dell’ambiente della Regione.