Avvenire di Calabria

"Hurry Up" («Affrettarsi») è il titolo dell'Incontro dei giovani calabresi che si terrà oggi a Paravati

Oggi a Paravati il raduno regionale della Pastorale giovanile

Un pomeriggio all'insegna del confronto e del dialogo da vivere sull'esempio di Maria

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un pomeriggio all'insegna del confronto e del dialogo da vivere sull'esempio di Maria. "Hurry Up" («Affrettarsi») è il titolo dell'Incontro dei giovani calabresi che si terrà oggi a Paravati.

Pastorale giovanile, oggi l'incontro a Paravati

"Hurry Up" («Affrettarsi») è il titolo dell'Incontro dei giovani calabresi che si terrà oggi a Paravati a partire dalle 16, presso la Chiesa Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime, voluta da "mamma" Natuzza.

Un pomeriggio all'insegna del confronto e del dialogo da vivere sull'esempio di Maria, partendo dal celebre passo biblico dell'evangelista Luca: «Maria si alzò e andò in fretta…».


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Per i giovani dell'arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova, l'evento odierno è stato preceduto da un altro appuntamento, altrettanto importante, che si è tenuta in concomitanza con i festeggiamenti in onore della Patrona del popolo reggino, la Madonna della Consolazione.

Venerdì, infatti, i giovani reggini hanno partecipato ad un breve e simbolico pellegrinaggio presso l'Eremo, ai piedi della Patrona, per vivere insieme all'arcivescovo, monsignor Fortunato Morrone, la Veglia di preghiera. Radunati alle 20 a Piazza del Popolo. A piedi, i ragazzi hanno raggiunto la Basilica dell'Eremo, percorrendo a ritroso il cammino che il giorno dopo è stato compiuto dalla Sacra Effigie.


PER APPROFONDIRE: La Pastorale giovanile reggina: «Il Sinodo ci aiuterà a respirare un’aria più pulita»


I due incontri, venerdì all'Eremo e domenica a Paravati, «sono due appuntamenti essenziali nel cammino di crescita umana e spirituale dei nostri giovani. Due eventi necessari all'interno di quella "sinodalità" suggerita dal nostro Papa e dal nostro vescovo Fortunato». Lo afferma don Michele D'Agostino, direttore dell'Ufficio di Pastorale Giovanile della diocesi reggina, nell'invitare i ragazzi e i gruppi giovanili a partecipare agli eventi.

Articoli Correlati

cantiere sinodale reggio bova

Reggio-Bova, il “cantiere” sinodale riparte dall’esempio di Betania

«Nessuno si salva da solo», la due giorni vissuta al Soccorso restituisce argomenti per il laicato reggino. La riflessione del Segretario Consulta diocesana per le Aggregazioni Laicali sull’inizio del nuovo anno pastorale: «Gettare la maschera di discussioni e scetticismi che ci fanno camminare col freno a mano tirato».