Pellegrinaggio in Terra Santa, il ritorno dei seminaristi reggini – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Nel pullman verso Reggio, abbiamo cantato il Magnificat per ringraziare Dio per averci accompagnato in questo viaggio

Pellegrinaggio in Terra Santa, il ritorno dei seminaristi reggini

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Vi proponiamo la testimonianza diretta dei seminaristi del VI anno durante il viaggio che, dopo giorni di viaggio, oggi li ha condotti a Betlemme.

"Ripartire da Gerusalemme con gioia dell'incontro con l'amore più grande". Queste parole risuonano dentro i nostri cuori al termine di questo pellegrinaggio. Avendo vissuto il punto culmine della nostra esperienza al Santo Sepolcro contemplando non tanto un Dio morto, ma il Risorto che si è sacrificato per noi. Ieri mattina siamo ripartiti da Betlemme per l'Italia: da Tel Aviv abbiamo preso l'aereo per Roma dove abbiamo fatto uno scalo di un'oretta per poi ripartire alla Lamezia. Nel pullman verso Reggio, abbiamo cantato il Magnificat per ringraziare Dio per averci accompagnato in questo viaggio che segnerà per sempre la nostra vita.

Articoli Correlati

Verso l’Ordinazione. La testimonianza del seminarista reggino Antonio Circosta

Il giovane reggino sarà ordinato sacerdote il prossimo 8 maggio in Cattedrale da monsignor Giuseppe Fiorini Morosini. Una data non casuale, associata ad una ricorrenza. Coincide infatti con i primi vespri della data anniversaria della consacrazione episcopale (cioè il 9 maggio) di monsignor Morosini. Le parole del seminarista ad Avvenire di Calabria: «L’emozione è forte per il ”cambiamento” più importante che il Padre ha voluto per me».

Verso l’Ordinazione. La testimonianza del seminarista reggino Davide Amadeo

Il giovane reggino sarà ordinato sacerdote il prossimo 8 maggio in Cattedrale da monsignor Giuseppe Fiorini Morosini. Una data non casuale, associata ad una ricorrenza. Coincide infatti con i primi vespri della data anniversaria della consacrazione episcopale (cioè il 9 maggio) di monsignor Morosini. Le parole del seminarista ad Avvenire di Calabria: «L’emozione è forte per il ”cambiamento” più importante che il Padre ha voluto per me».

Vaticano, Papa Francesco ha ordinato un sacerdote calabrese

C’è anche un calabrese tra i sacerdoti ordinati ieri da Papa Francesco nella basilica di San Pietro. Si tratta di Salvatore Marco Montone, 32enne calabrese, è originario di Spezzano Albanese, un ragazzo cresciuto a «pane e don Bosco».

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.