Avvenire di Calabria

Diffuse le risultanze dell'accesso ispettivo disposto dal Viminale

Per il ministero ”nessuna infiltrazione mafiosa” a Villa

Francesco Creazzo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

''Gli elementi complessivamente emersi non presentano la necessaria congruenza rispetto ai requisiti di concretezza, univocità e rilevanza emersi dal modello legale''. In altre parole, gli ispettori mandati dal ministero degli Interni al Comune di Villa, non hanno elementi sufficienti per decretare che l'ente sia infiltrato dalla criminalità organizzata. La notizia è del 30 maggio scorso ma ha cominciato a circolare soltanto oggi per la gioia dei sostenitori dell'attuale maggioranza comunale. La stessa maggioranza che adesso attende il rientro del proprio leader, il sindaco-ombra Giovanni Siclari, che attende l'esito del pronunciamento del Tar sulla propria elezione, occorsa nonostante la temporanea incandidabilità legata al caso "BandaFalò".

Articoli Correlati

secondo tempo falcomatà

Un anno dopo. Partecipa alla nostra indagine su Falcomatà

Dieci domande ai cittadini per capire come i reggini analizzano l’attuale conduzione politico-amministrativa della Città. Il «secondo tempo» dell’amministrazione comunale, guidata da Giuseppe Falcomatà, è iniziato da più di un anno. Ma come sta andando?

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.