Povertà digitale, il 40% delle famiglie calabresi è senza un pc – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Mentre il ministro della Pubblica Istruzione apre alla possibilità che la didattica a distanza diventi una norma

Povertà digitale, il 40% delle famiglie calabresi è senza un pc

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Considerando il periodo 2018-2019, circa il 34% delle famiglie italiane non ha computer o tablet in casa, la quota scende al 14,3% tra le famiglie con almeno un minore. Solo nel 22% delle famiglie, inoltre, ogni componente ha a disposizione un pc o tablet. Sono numeri preoccupanti quelli raccolti dall’Istat in uno studio intitolato “Spazi in casa e disponibilità di computer per bambini e ragazzi”, strumenti quanto mai fondamentali in questo periodo di videolezioni e didattica a distanza.

La situazione in Calabria. In Calabria la situazione è molto peggiore della media nazionale, con circa la metà delle famiglie che non possiede un pc. “La percentuale di famiglie senza computer – si legge nello studio dell’Istat – supera il 41% nel Mezzogiorno, con Calabria e Sicilia in testa (rispettivamente 46,0% e 44,4%), ed è circa il 30,0% nelle altre aree del Paese. Più elevata nel Mezzogiorno anche la quota di famiglie con un numero di computer insufficiente rispetto al numero di componenti: il 26,6% ha a disposizione un numero di pc e tablet per meno della metà dei componenti e solo il 14,1% ne ha almeno uno per ciascun componente”.

L’aiuto del Governo. Nel frattempo, con la possibilità sempre più concreta che non si riesca a tornare in classe entro giugno, il Governo ha stanziato diversi finanziamenti per le scuole italiane. In Calabria sono arrivati circa 3 milioni di euro da utilizzare per mettere a disposizione degli studenti meno abbienti, in comodato d’uso gratuito, dispositivi digitali per la fruizione della didattica a distanza. Sono diversi gli istituti calabresi che hanno già utilizzato le somme ricevute per acquistare gli strumenti digitali necessari.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.