Avvenire di Calabria

Lo studio, pubblicato ogni due anni, passa in rassegna il grado di rispetto e il livello di violazione del fondamentale diritto alla libertà religiosa nel mondo

Presentazione XV edizione del Rapporto sulla libertà religiosa

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Martedì 20 aprile alle 11 la fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre (ACS) presenterà la XV edizione del Rapporto sulla libertà religiosa nel mondo. Lo studio, pubblicato ogni due anni, passa in rassegna il grado di rispetto e il livello di violazione del fondamentale diritto alla libertà religiosa nei 196 Paesi sovrani del pianeta. L’obiettivo della ricerca è accendere ancora una volta i riflettori sugli ostacoli incontrati da quanti intendono vivere pacificamente la propria fede. Oltre alla necessaria attenzione alle vittime, il Rapporto approfondisce le cause della persecuzione o discriminazione e denuncia l’identità dei responsabili, anticipando nella misura del possibile le tendenze del prossimo futuro.
Il testo non limita il proprio esame alle violazioni ai danni dei cristiani, e dei cattolici in particolare, ma abbraccia le dinamiche persecutorie e discriminatorie sofferte nell’ultimo biennio dai credenti di ogni religione. Pubblicato per la prima volta nel 1999, il Rapporto viene consultato non solo dalle gerarchie ecclesiastiche ma anche da diplomatici e politici, ricercatori e giornalisti.
A causa delle restrizioni imposte dalla pandemia da COVID-19 la presentazione internazionale quest’anno si terrà nella forma di conferenza stampa in modalità digitale. Il link per il collegamento degli operatori dei media è il seguente: https://us02web.zoom.us/j/84688085860 Id riunione:846 8808 5860.
La ricerca di ACS verrà presentata contestualmente nelle ventitré sedi della fondazione in tutto il mondo. All’introduzione iniziale di Alfredo Mantovano e Alessandro Monteduro, rispettivamente Presidente e Direttore di Aiuto alla Chiesa che Soffre - Italia, seguirà un collegamento con Asia Bibi, simbolo mondiale del diritto negato alla libertà religiosa, e con il Professor Shahid Mobeen, Fondatore dell’Associazione Pakistani cristiani in Italia. Interverranno il Cardinale Mauro Piacenza e Thomas Heine-Geldern, rispettivamente Presidente e Presidente esecutivo di ACS Internazionale, e in collegamento da Dori, nord del Burkina Faso, mons. Laurent B. Dabiré, vescovo della stessa diocesi di Dori e presidente della Conferenza episcopale del Burkina Faso e del Niger.

Articoli Correlati

Il santo del giorno del 27 luglio è san Pantaleone

Il santo del giorno del 27 luglio è san Pantaleone

San Pantaleone compare sia nel gruppo greco dei medici «anargiri» sia nel gruppo occidentale dei Quattordici Intercessori. Un santo che “unisce” la Laguna veneziana all’Area grecanica reggina. Scopri perché.

Monsignor Vittorio Mondello: «Fede e magistero, ecco chi è il vescovo»

«Il vescovo è principio e fondamento visibile dell’unità della Chiesa particolare, come il Papa è principio e fondamento visibile della Chiesa Universale». Cosa significa tutto questo? A spiegarlo è monsignor Vittorio Mondello, arcivescovo emerito della diocesi di Reggio Calabria – Bova ed ecclesiologo.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.