Avvenire di Calabria

Protesta del Coolap dopo diversi mesi di trattative. Ieri si è arrivati al gesto più eclatante, pur mantenendo toni pacifici

Psichiatria, i lavoratori occupano la sede dell’Asp

I sindacalisti: «II compromesso politico e la politica del baratto non ci riguarda e non sarà accettata». Attesa per gli stipendi

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Psichiatria, i lavoratori occupano la sede dell'Asp. Protesta del Coolap dopo diversi mesi di trattative. Ieri si è arrivati al gesto più eclatante. Leggi la nota dei sindacalisti 👇

Psichiatria, i lavoratori occupano la sede dell'Asp

L'occupazione della sede dell'Asp è stata pacifica e senza provocare alcuna interruzione di servizio. Ma non per questo è stata meno fragorosa rispetto alle intenzioni degli occupanti. «Manca, da parte della politica e di chi la rappresenta, l'attitudine a discernere il bene dal male» scrivono in una nota i rappresentanti sindacali del Coolap.

«I pazienti e gli operatori ridotti a numeri» denunciano Vincenzo Barbaro, Filippo Lucisano e Giuseppe Foti. Il Coolap è il coordinamento dei lavoratori in ambito psichiatrico. Sono mesi che si cerca un dialogo con le istituzioni con risultati rasenti lo zero.



«Abbiamo superato il limite dell'indigenza» affermano i rappresentanti dei lavoratori. Poi un appello accorato: «Cerchiamo il sostegno della società civile e di chi ha a cuore le sorti di tanti onesti lavoratori. Padri e madri di famiglia. E dei tanti dissabili a cui diamo il nostro totale e quotidiano sostegno da sempre e incondizionatamente»


Guarda la nostra video-inchiesta 👇


Le rivendicazione del Coolap sono semplici. Pagare gli stipendi arretrati e ridiscutere l'accreditamento. Insomma dare un presente e un futuro a realtà che si sostuiscono allo Stato nel servizio di persone fragili.

«II compromesso politico e la politica del baratto non ci riguarda e non sarà accettata» tuonano in conclusione quelli del Coolap. «Semplicemente perché difendiamo diritti costituzionalmente e umanamente riconosciuti anche dallo Stato italiano». Così concludono la loro nota Vincenzo Barbaro, Filippo Lucisano e Giuseppe Foti.

Come fatto sinora, continueremo a seguire i risvolti di questa importante rivendicazione dando voce a lavoratori e famiglie totalmente abbandonate.

Articoli Correlati

Sanità, fra carisma e diritto alla cura

La riflessione al 25° Convegno nazionale di Pastorale della Salute che si è svolto dal 7 al 15 maggio dal titolo: «Non ho nessuno che mi immerga. Universalità e diritto alle cure»