Avvenire di Calabria

La progettualità svolgerà una funzione sociale e pedagogica, per sperimentare nuove forme di socializzazione

Pugilato in parrocchia, si parte nella diocesi di Crotone

Formazione dei primi mediatori sportivi nelle parrocchie e attivazione di sinergie con gli organismi sportivi

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Pugilato in parrocchia, si parte nella diocesi di Crotone. Svolgerà una funzione sociale e pedagogica, per sperimentare nuove forme di socializzazione.

Pugilato in parrocchia, si parte nella diocesi di Crotone

Il pugilato entra nelle parrocchie. Per svolgervi una funzione sociale e pedagogica, per sperimentare nuove forme di socializzazione.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Un esperimento che prenderà il via domani a Crotone, nella parrocchia di San Paolo, nel popolare quartiere Tufolo-Bernabò, avamposto di un progetto varato dall'Ufficio per la pastorale del tempo libero, turismo e sport della Cei, la conferenza episcopale italiana con la quale la Federazione pugilistica italiana ha siglato un apposito protocollo d'intesa. Il progetto, denominato "Sport4Joy", coinvolgerà venti parrocchie di periferia di tutta Italia dove sperimentare nuove forme di socializzazione attraverso il gioco e la formazione.


PER APPROFONDIRE: 8 marzo. Il “tweet” del Papa per mamme e bimbi in fuga dalle guerre


Due le linee di sviluppo: la formazione dei primi mediatori sportivi nelle parrocchie e l'attivazione di sinergie con gli organismi sportivi. L'obiettivo è creare rete nel territorio attraverso il ruolo educativo e sociale dello sport. Per il numero uno della Fpi, federazione pugilistica italiana, Flavio D'Ambrosi, "è un'opportunità concreta che ci permetterà di esaltare ancora di più la funzione sociale e pedagogica del pugilato. Gli avamposti sono il simbolo di quei valori che da sempre la Fpi cerca di trasmettere ai giovani". Pensiero condiviso dal direttore dell'Ufficio per la pastorale del tempo libero, turismo e sport della Cei, don Gionatan De Marco: "L'esperienza ha doppia valenza: riscoprire l'oratorio come centro di aggregazione ed accompagnare le parrocchie nella creazione di un più solido legame tra la comunità religiosa ed i ragazzi".

Articoli Correlati

Scilla e la devozione per San Rocco

La Chiesa celebra oggi San Rocco, tra i santi più illustri del secolo XIV e uno dei più cari a tutta la cristianità. Da quasi sei secoli, la comunità di Scilla, rinnova il suo legame con il Santo Patrono.

Oggi è la festa dell’Assunta: ecco cosa si celebra

Ferragosto, apice dell’estate, è in realtà una solennità molto sentita dai cristiani. Si tratta di una fra le più antiche feste mariane. La Vergine Assunta, recita il Messale romano, è primizia della Chiesa celeste