Avvenire di Calabria

Il Santo Padre ribadisce ferma condanna ad ogni forma di conflitto che mette a rischio la vita di tante persone indifese

8 marzo. Il “tweet” del Papa per mamme e bimbi in fuga dalle guerre

Chiaro il riferimento a quanto sta accadendo in Ucraina: la preoccupazione già espressa all'Angelus di domenica scorsa

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Papa Francesco continua a mantenere alta l'attenzione sulla guerra in Ucraina, ribadendo la sua richiesta: prevalga la Pace. Lo aveva riaffermato solo pochi giorni fa in occasione dell'Angelus di domenica, dinnanzi al continuo scorrere di «fiumi di sangue e di lacrime». Allo strazio per «un'operazione non solo militare, ma di guerra che semina morte, distruzione e miseria».


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Il no a guerra, morte e distruzione, il Santo Padre lo ha ribadito anche oggi. Il Papa ha colto l'occasione della Giornata internazionale della donna, per lanciare via Twitter un messaggio profondamente simbolico.

Sul suo account Twitter "Pontifex" Begoglio ha pubblicato questa frase: «Guardando a Maria con in braccio il suo Figlio, penso alle giovani madri e ai loro bambini in fuga da guerre e carestie o in attesa nei campi per i rifugiati. Sono tanti! La Regina della pace ottenga concordia ai nostri cuori e al mondo intero».

Donne e bambini in fuga, preoccupato papa Francesco

«Le vittime sono sempre più numerose, così come le persone in fuga, specialmente mamme e bambini», aveva già ricordato all'Angelus di domenica scorsa Bergoglio. Il Papa, pensando non solo a donne e bambini, ha anche ringraziato «tutti coloro che stanno accogliendo i profughi», auspicando che a prevalere sia «il negoziato e pure il buon senso e si torni a rispettare il diritto internazionale».


PER APPROFONDIRE: Profughi Ucraina, diocesi di Reggio Calabria accoglie le prime famiglie


Quindi la preghiera recitata in piazza per l’Ucraina. E l'impegno: «la Santa Sede è disposta a fare di tutto, a mettersi al servizio per questa pace», ancora le parole del Santo Padre, il quale - nel farsi interprete del sentimento di tutto il popolo cristiano, contrario a tanta violenza ha aggiunto: «La guerra è una pazzia! Fermatevi, per favore! Guardate questa crudeltà!».

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.

Scilla e la devozione per San Rocco

La Chiesa celebra oggi San Rocco, tra i santi più illustri del secolo XIV e uno dei più cari a tutta la cristianità. Da quasi sei secoli, la comunità di Scilla, rinnova il suo legame con il Santo Patrono.