Avvenire di Calabria

La squadra di Karel Zeman riesce a centra l'obiettivo stagionale

Reggina-Fidelis Andria: le pagelle della salvezza amaranto

Enzo La Piana

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nel penultimo turno di campionato, la formazione di Zeman ha conquistato la matematica salvezza in Lega Pro, con un turno di anticipo, uscendo imbattuta dal Degli Ulivi di Andria, grazie anche alla contemporanea sconfitta casalinga dell’Akragas ad opera della Juve Stabia. Le reti, messe a segno da Berardino e Kosnic, sono arrivate sui titoli di coda del match. Dopo il punto ottenuto quest’oggi, la squadra del Presidente Praticò può festeggiare e cominciare programmare per il futuro.

Le pagelle amaranto:

SALA 7 Con quattro parate decisive ha cercato di blindare la sua porta. Nulla ha potuto sul tiro dal dischetto di Berardino.

GIANOLA 6 Gara positiva, condotta con buona personalità.

DE VITO 6 Gara sufficiente, macchiata nel finale dal rigore per il ritardato intervento su Croce.

KOSNIC 7 Ha dimostrato di avere personalità e sicurezza nel realizzare il rigore che ha regalato la permanenza in Lega Pro alla Reggina, facendo gioire i tifosi amaranto.

CANE 6 Non proprio al massimo, comunque buona nel complesso la sua prestazione.

BANGU 6 A corrente alternata, ha comunque cercato in qualche modo di dare fastidio alla retroguardia dei padroni di casa. (dal 70′ KNUDSEN s.v.)

BOTTA 6,5 La sua valenza non è stata mai in discussione.Se gli amaranto sono arrivati alla salvezza con una giornata d’anticipo, il merito è anche suo.

DE FRANCESCO 6 Buona prestazione. Da apprezzare i lampi di classe da categoria superiore messi in mostra durante l’arco del campionato.

MAESANO 6 Ha cercato di dare tutto quanto era nelle sue possibilità.

LEONETTI 6 Oggi motivato, ha dato filo da torcere agli avversari. Potrebbe essere molto utile per il prossimo campionato. (dal 90′ CORALLI s.v.)

BIANCHIMANO 6 Una gara - ma non solo questa - da lottatore vero,mai domo, si è sacrificato per l’economia della squadra.

Articoli Correlati

Monsignor Morosini chiama Mario Situm: «Grazie»

Dopo la gara di venerdì scorso a Venezia, l’amministratore apostolico di Reggio Calabria ha chiamato l’ala sinistra della Reggina. Il calciatore aveva dedicato il gol e la vittoria a Gesù: «Hai avuto coraggio: il coraggio dei semplici» ha detto il presule.

Reggio, si lavora allo sviluppo del Sant’Agata e del Granillo

Si è svolto questa mattina a Palazzo San Giorgio, l’incontro tra il sindaco metropolitano Giuseppe Falcomatà e i vertici della società amaranto. Si è parlato dei rapporti tra gli Enti territoriali e la Reggina 1914 per le prospettive di sviluppo.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.