Avvenire di Calabria

Sfida molto attesa dalla tifoseria visti i precedenti caldi

Reggina, il prossimo avversario: la Paganese

Enzo La Piana

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La prima tra Paganese e Reggina, risale al campionato di seconda divisione 1929-1930 al campo del Pino, poi stadio Del Forno.
Il bilancio di risultati tra le due squadre è di assoluta parità: tre vittorie per la Paganese, tre vittorie per la Reggina e quattro pareggi. Il primo successo della Reggina, firmato da Mariano, è datato 5 novembre 1978.
Ancora una vittoria nella gara successiva, era il 1981, quando gli amaranto s'imposero questa volta con la rete di Piras. L'ultimo urrà, il 7 settembre del 2014, quando la squadra di Cozza andò a segno con Dall’Oglio ed Insigne.
Cinque vittorie, quattro pareggi, nove sconfitte, rappresentano il cammino intrapreso dai campani per un totale di venti gol realizzati e ventidue subiti. La Gara del Via del Mare, rappresenta la sintesi di quello che è stato sin qui il campionato della squadra di Grassadonia, che a livelli di gioco apprezzabili ha messo in mostra limiti individuali e caratteriali.
Il tecnico campano, ha a disposizione elementi interessanti come Marruocco, per il carattere veemente, ha dovuto subire diverse espulsioni pur essendo un portiere, garantendo in ogni caso adeguata esperienza a protezione della sua retroguardia. Altro elemento interessante Francesco Deli che gli amaranto dovranno tenere sotto controllo unitamente a Reginaldo, sulla cui esperienza la Paganese ha riposto tanta fiducia.
Attualmente con sette reti, è il miglior realizzatore della squadra, un problema in più per la Reggina,che dovrà cerare di limitarne il dinamismo e l'azione, senza dimenticare l'ex Camilleri, Pestrin, Iunco ed Herrera, tutti elementi da non sottovalutare.
Non sarà della gara il difensore Alcibiade, squalificato. Alla sfida di sabato diaciassette al Torre, gli stellati arrivano con un bel più cinque rispetto alla squadra di Zeman, che avrà di fronte un collettivo scorbutico e temibile, guidato da un tecnico che conosce molto bene la categoria.

Articoli Correlati

Monsignor Morosini chiama Mario Situm: «Grazie»

Dopo la gara di venerdì scorso a Venezia, l’amministratore apostolico di Reggio Calabria ha chiamato l’ala sinistra della Reggina. Il calciatore aveva dedicato il gol e la vittoria a Gesù: «Hai avuto coraggio: il coraggio dei semplici» ha detto il presule.

Reggio, si lavora allo sviluppo del Sant’Agata e del Granillo

Si è svolto questa mattina a Palazzo San Giorgio, l’incontro tra il sindaco metropolitano Giuseppe Falcomatà e i vertici della società amaranto. Si è parlato dei rapporti tra gli Enti territoriali e la Reggina 1914 per le prospettive di sviluppo.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.