Avvenire di Calabria

Sulla panchina della squadra lucana l'indimenticato ex Aimo Diana (nella foto)

Reggina-Melfi, le ultime sull’avversario

Enzo La Piana

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Per dare un tratto di cosa sia il Melfi di questa stagione, basta dare una rapida occhiata alle statistiche: penultima posizione in classifica, con 27 punti frutto di 7 vittorie, 7 pareggi e 17 sconfitte, 31 centri e 57 reti subite. Con Bitetto, passi avanti se ne erano visti ben pochi, anzi il 6-0 subito a Matera, rappresenta il punto più basso della stagione lucana. Esonerato dopo la sconfitta di Siracusa per 3-1, la decima consecutiva, viene scelto l’ ex amaranto Aimo Diana. Rimasto in riva allo Stretto da calciatore, solo una stagione, nel giugno del 2003, fu tra i protagonisti di Bergamo. Con lui, la squadra nelle ultime gare disputate, ha messo in mostra segni di risveglio importanti - tre successi di fila e il pareggio casalingo contro l'Akragas - che hanno messo in luce una ritrovata solidità difensiva, smentendo quanti non lo ritenevano all’ altezza della situazione per via della sua giovane età. Numeri alla mano di tutto rispetto, quelli dei lucani, che fotografano il buon lavoro svolto dal tecnico bresciano. L’organico è di tutto rispetto, con De Vena, elemento pericoloso, che in passato ha già fatto male agli amaranto. Un pensiero in più per la squadra di mister Zeman. In avanti, Gammone e Foggia completano il reparto avanzato, con Foggia che resta una pedina imprescindibile nell’ economia della squadra. Migliori realizzatori per il club lucano Foggia e De Vena. Una squadra in forma, consapevole di poter dar fastidio agli amaranto. Per il match contro la Reggina, Diana - che potrebbe giocarsela con un 4-3-3 - riavrà disposizione proprio il primo, l’ex Gragnano, ha infatti scontato il turno di squalifica. In riva allo Stretto, un Melfi che vorrà giocarsi le sue chance, per uscire imbattuto dal Granillo per tentare una disperata salvezza.

Articoli Correlati

Monsignor Morosini chiama Mario Situm: «Grazie»

Dopo la gara di venerdì scorso a Venezia, l’amministratore apostolico di Reggio Calabria ha chiamato l’ala sinistra della Reggina. Il calciatore aveva dedicato il gol e la vittoria a Gesù: «Hai avuto coraggio: il coraggio dei semplici» ha detto il presule.

Reggio, si lavora allo sviluppo del Sant’Agata e del Granillo

Si è svolto questa mattina a Palazzo San Giorgio, l’incontro tra il sindaco metropolitano Giuseppe Falcomatà e i vertici della società amaranto. Si è parlato dei rapporti tra gli Enti territoriali e la Reggina 1914 per le prospettive di sviluppo.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.