Avvenire di Calabria

Dopo due anni di stop causati dalla pandemia riprendono i pellegrinaggi in treno e in aereo per Lourdes

Reggio Calabria, a settembre riparte il Treno Bianco Unitalsi

Il convoglio partirà dalla stazione centrale il 26 settembre, il giorno dopo si partirà in areo da Lamezia Terme

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dopo due anni di stop, torna a correre anche sui binari della Calabria il Treno bianco dell'Unitalsi per Lourdes: tra venticinque giorni si parte anche dalla stazione di Reggio Calabria.

Il treno bianco della «gioia e della speranza» dell'Unitalsi ripartirà anche dalla stazione centrale di Reggio Calabria. Dopo due lunghissimi anni segnati dalla pandemia da Covid - 19, infatti, torna uno degli appuntamenti più attesi, legati ai pellegrinaggi a Lourdes.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


La Sottosezione Unitalsi di Reggio Calabria è già al lavoro per raccogliere le adesioni di quanti fossero interessati a intraprendere il tradizionale pellegrinaggio in treno con destizione la miracolosa località, nota per le apparizioni mariane alla pastorella Bernardette.

La partenza del treno bianco Unitalsi è prevista per il 26 settembre, con il ritorno alla stazione di Reggio Calabria il 2 ottobre. Il pellegrinaggio per Lourdes è anche in areo, con partenza il 27 settembre dall'Aeroporto internazionale di Lamezia Terme e ritorno in Calabria il primo ottobre.


PER APPROFONDIRE: Giornata del Malato, l’impegno dell’Unitalsi a Reggio Calabria


«È un'esperienza davvero difficile da descrivere a parole, ma vi assicuriamo che, partiti la prima volta, non si può fare a meno di Lourdes», scrive l'Unitalsi sezione calabrese sulla propria pagina Facebook. «Come disse tanti anni fa l'allora vescovo di Locri - Gerace, monsignor Giancarlo Bregantini, Lourdes non aggiunge nulla al Vangelo, te lo fa toccare con mano».

Articoli Correlati

Cittadella dell’Immacolata, oasi di pace per i bimbi ucraini

Dagli scenari di guerra alla protezione della Cittadella dell’Immacolata di Bagnara: bambini ucraini in fuga ritrovano la pace nell’estremo lembo dello Stivale e, soprattutto, la gioia di poter giocare nuovamente insieme, senza alcun pericolo.

Violenza di genere, la mamma ferita: «Così sono rinata»

Una storia di maltrattamenti consumata tra le mura domestiche, può trasformarsi in un vero e proprio esempio per quante hanno ancora paura di dire «basta». La testimonianza della giovane donna, finalmente uscita dal tunnel in cui era piombata: «Oggi mi sento finalmente donna, grazie al Centro antiviolenza “Angela Morabito” di Reggio Calabria e all’amore di mia figlia»