Avvenire di Calabria

Il commento del procuratore generale Bernardo Petralia

Reggio Calabria, prima applicazione della ‘riforma Orlando’

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Corte d’appello di Reggio Calabria, Bruno Muscolo presidente, ha ‘congelato’ il provvedimento di dissequestro dei beni all’imprenditore di Palmi Giuseppe Mattiani, ritenuto dagli investigatori contiguo alla cosca Gallico di Palmi, in presenza del ricorso presentato dalla Procura generale alla Corte di Cassazione. Due settimane fa, la Corte d’appello aveva ribaltato il pronunciamento di sequestro preventivo dei beni sentenziato dal Tribunale di primo grado, non riconoscendo la pericolosita’ sociale di Mattiani. “Si tratta della prima applicazione in Italia – ha commentato il procuratore generale Bernardo Petralia - della riforma Orlando, nella parte in cui detta nuove norme in materia di misure di prevenzione che consente, come in questo caso, la sospensione degli effetti del dissequestro dei beni tra il secondo ed il terzo grado del giudizio fino al pronunciamento della Corte di Cassazione“. La precedente normativa, invece, consentiva la sospensione del sequestro preventivo dei beni soltanto tra il primo ed il secondo grado di giudizio. I beni sequestrati all’imprenditore Giuseppe Mattiani ammontano a circa dieci milioni di euro, tra cui un albergo in zona Gianicolo, a Roma.

Articoli Correlati

Beni confiscati, firmato il protocollo di rete

Il Consorzio Macramè, l’UniRiMi – Università della Ricerca, della Memoria e dell’Impegno “Rossella Casini” e l’Associazione San Benedetto Abate supportano così il progetto GIANO, per offrire servizi di accompagnamento, consulenza e formazione.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.