Avvenire di Calabria

Reggio: elezioni, pomi d’ottone e manici di scopa

Il film della Walt Disney e la partita "tutti contro tutti". Chi perde? Reggio.

Davide Imeneo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Se dovessimo accostare l’attuale fase politica reggina alla scene di un film, allora quello più adatto sarebbe Pomi d’ottone e manici di scopa della Walt Disney.

Si tratta di un lungometraggio, uscito nel 1971 e riedito, poi, a varie riprese, ispirato ai romanzi di Mary Norton, così simili a quel mondo magico-fantasy de Le Cronache di Narnia e di Harry Potter. I protagonisti del film, viaggianti a bordo di un letto fatato che si attiva sfregando il pomo d’ottone, devono recuperare un talismano che è finito nelle mani di un leone, Re di uno stato abitato da soli animali parlanti, circostanza facilmente riconducibile a La fattoria degli animali di Orwell.

Quando i protagonisti arrivano nell’isola dove vivono gli animali parlanti, si trovano coinvolti – loro malgrado – in una incredibile partita di calcio, giocata dagli stessi animali che, divisi in due squadre, si contendono il pallone. Ciò che accade durante il match è politicamente emblematico. Dopo poche battute, gli schieramenti delle due squadre sono irriconoscibili. La partita si trasforma in un tutti contro tutti, e a farne le spese è il pallone, che finisce sgonfiato e distrutto dopo pochi minuti di gioco. Alla fine il Re leone, con un forte ruggito, fa finire in rete tutti i giocatori, e recuperato il pallone, sgonfio e irriconoscibile, segna il gol della vittoria.

L’impressione, in riva allo Stretto, è che i contendenti delle varie squadre che parteciperanno alle elezioni del 20 e 21 settembre stiano giocando al tutti contro tutti che, alla fine, registrerà un solo sconfitto: il pallone, ossia Reggio.

La Città, infatti, pagherà cara la mancanza di una coesione politica all’interno delle future forze di maggioranza, sia che esse siano di destra o di sinistra. Già perché in questa rissa totale, tutti tirano colpi, da ogni schieramento.

Reggio, presa a calci e sgonfiata da una politica reggina senza fiato, senza idee, si assottiglia sempre più e paga il prezzo dell’irrilevanza, non solo a livello nazionale, ma ancor più a livello regionale. Mentre Catanzaro, Cosenza, Lamezia, Rende e Corigliano-Rossano viaggiano ad un’alta velocità di servizi, Reggio arretra, sommersa dai rifiuti e affossata nelle buche.

Ma il problema non è solo il passato-presente, è soprattutto il futuro. In riva allo stretto manca una visione, una strategia di sviluppo, un programma di valorizzazione della Bellezza e dei beni culturali e un piano di marketing territoriale. Ed infatti, propongo ai lettori uno sforzo: rispetto a uno o l’altro dei tanti candidati a sindaco, chi sta leggendo riesce subito a ricordare almeno tre proposte, progetti o idee di sviluppo per la città, che il candidato abbia presentato a sostegno della sua candidatura?

Cosa andremo a votare, dunque, il 20 settembre?

Se dovessimo valutare in base allo stato dell’arte – fermandoci nella nostra osservazione alle due coalizioni che presenteranno più liste, dato che un’analisi più approfondita, anche sulle liste civiche, l’abbiamo già scritta – la scelta di molti si giocherà tra il sindaco uscente e una o più alternative presentate da un centro destra unito o frammentato.

Falcomatà, dopo aver fatto i conti con le lotte interne al centro sinistra e al mondo civico di ispirazione d’area, ha prospettato continuità rispetto al mandato in scadenza. Il centro destra ha la facoltà di concedergliela o meno: se i maggiorenti dei partiti della coalizione, da mesi in trattativa per decidere il candidato delle comunali reggine, alla fine partoriranno un topolino, allora contribuiranno sostanzialmente alla vittoria di Falcomatà: fino ad oggi, ad onor del vero, non è stato individuato il candidato in grado di competere con il sindaco Giuseppe. E il tentennamento su Minicuci, dimostra come anche all’interno della coalizione non c’è convinzione sulla forza del candidato, che non appare così schiacciante rispetto a Falcomatà.

La destra non ha ancora fatto pace con sé stessa. Al suo interno sta giocando un’altra partita di Pomi d’ottone e manici di scopa: tutti contro tutti, ciascuno attento alla propria casacca, pochi si dimostrano preoccupati del futuro della città. Ma la sinistra non brilla per compattezza e proposta, impoverita anch’essa dalle divisioni interne e sofferente per mancanza di idee e visioni…impossibile non notare come – a differenza del 2014 – Falcomatà non abbia un programma elettorale.

Da entrambi gli schieramenti, quindi, non arrivano segnali confortanti. Chi ha a cuore il futuro di Reggio non può che implorare lo sforzo dell’unità, sia negli intenti che nei progetti.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.