Avvenire di Calabria

Ieri a Villa Bethania si è svolta l'ultima sessione del processo avviato presso la diocesi di Reggio Calabria - Bova

Rosa Staltari e il presunto miracolo a Reggio: chiusa l’indagine

I documenti conclusivi saranno ora trasmessi al Dicastero delle cause dei santi a Roma per le ulteriori valutazioni

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Si è chiusa giovedì 15 settembre l'indagine su un presunto miracolo attribuito all'intercessione della Venerabile Rosella Staltari. L'ultima sessione si è tenuta  a Villa Bethania, Casa Generalizia della Congregazione delle Figlie Maria Santissima Corredentrice di cui faceva parte la giovane religiosa di Antonimina, scomparsa prematuramente all'età di ventidue anni in odor di santità.

La causa di beatificazione e canonizzazione di Rosella Staltari è stata aperta già da tempo presso la diocesi di Locri - Gerace. Quest'ultimo processo di indagine si è tenuto nell'arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova, proprio perché il presunto miracolo sarebbe avvenuto a Reggio Calabria.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Era stato l'arcivescovo Giuseppe Fiorini Morosini a firmare il decreto di costituzione del Tribunale per l'inchiesta diocesana relativa a questo presunto miracolo attribuito all'intercessione della Venerabile Rosella Staltari. Il suo successore, l'attuale pastore della Chiesa reggina - bovese, monsignor Fortunato Morrone lo ha riconfermato, nonostante abbia cambiato alcuni incarichi.

Il Tribunale è stato costituito dai seguenti membri: monsignor Demetrio Sarica (presidente), monsignor Antonello Foderaro (promotore di giustizia), don Domenico Nucara (notaio) e dal dottor Antonino Iaria (perito).

Ascoltati alcuni testimoni, al termine delle escussioni, si sono svolte altre sessioni per valutare testimonianze e documenti. 


PER APPROFONDIRE: Rosa Staltari, il ricordo 46 anni dopo la morte


Conclusa l'indagine alla presenza dell'arcivescovo Morrone, alcuni documenti prodotti saranno ora trasmessi al Dicastero delle cause dei santi a Roma, altri saranno conservati nell’archivio segreto della curia reggina.

Articoli Correlati

Sanità, fra carisma e diritto alla cura

La riflessione al 25° Convegno nazionale di Pastorale della Salute che si è svolto dal 7 al 15 maggio dal titolo: «Non ho nessuno che mi immerga. Universalità e diritto alle cure»