Avvenire di Calabria

L'appuntamento è previsto per il 6 novembre, dalle 15 alle 19, presso il Seminario "San Pio X" con sede nel capoluogo calabrese

Sabato l’assemblea diocesana dell’Azione cattolica di Catanzaro

«Consegnare, contemplare, Prendersi cura sono i tre verbi che accompagneranno l'Ac in questo tempo» si legge nella nota ufficiale

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sabato l'assemblea diocesana dell'Azione cattolica di Catanzaro. L'appuntamento è previsto per il 6 novembre, dalle 15 alle 19, presso il Seminario "San Pio X" con sede nel capoluogo calabrese.

L'Azione cattolica di Catanzaro si raduna

Nel rispetto delle disposizioni anticovid sarà una ripartenza tutta in presenza. Saranno presentati il tema unitario dell'anno, "Fissi su di Lui", e i cammini degli adulti, dei giovani, dei giovanissimi e dei ragazzi, insieme al percorso sinodale, da poco iniziato e che tutti i battezzati siamo chiamati a vivere. Seguirà un dibattito e un confronto tra i soci, che arriveranno dalle parrocchie dell'arcidiocesi di Catanzaro-Squillace, e si concluderá con la santa messa.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Parteciperà all'assemblea il neo-rettore del Seminario che ospita l'assemblea, don Mario Spinocchio, già assistente unitario diocesano dell'Azione cattolica di Catanzaro, il quale, alla presenza dei soci, "passerà il testimone" al suo successore, cioè don Ferdinando Fodaro.

Dopo i mesi più duri della pandemia, il tempo che abbiamo di fronte si apre ad una fase di trasformazione della vita sociale ed ecclesiale, che richiede una profonda rielaborazione culturale e sociale dei nostri stili di vita e delle prassi quotidiane, così come anche delle forme organizzative e dei meccanismi istituzionali. Come è emerso anche dai lavori della Settimana Sociale di Taranto.


PER APPROFONDIRE: L’Azione cattolica reggina riparte dal «Noi»


«Siamo chiamati alla costruzione di un nuovo modello di sviluppo più inclusivo e sostenibile, generativo di alleanze, nella convinzione che il nostro oggi è un tempo che domanda di essere abitato con la consapevolezza di ciò che l'esperienza della pandemia ci ha consegnato» scrivono dall'Ac catanzarese.

«Consegnare, contemplare, Prendersi cura sono i tre verbi che accompagneranno l'Ac in questo tempo. Sono un modo per dire che tutta l'Ac, con gli occhi fissi su Gesù, intende rimboccarsi le maniche e ripartire, fortemente incoraggiata a vivere la propria corresponsabilità associativa al servizio della Chiesa» concludono i soci dell'Azione cattolica di Catanzaro.

Articoli Correlati

Cutro, sacrificio inutile? Un anno di indifferenza

Oggi è il primo anniversario del naufragio, costato la vita a 94 persone (altre venti risultano ancora disperse) che speravano di trovare un futuro migliore in Italia ed in Europa. Cosa è cambiato?