Avvenire di Calabria

Il 16 luglio il Santo Patrono dell'arcidiocesi e della città sarà portato in processione in auto nei luoghi simbolo del capoluogo

San Vitaliano abbraccia Catanzaro

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

San Vitaliano abbraccia Catanzaro. Per il secondo anno consecutivo, causa la Pandemia, il 16 luglio non ci sarà la tradizionale processione del Santo patrono della diocesi e della città di Catanzaro. Tuttavia, il simulacro di San Vitaliano percorrerà le vie della città in auto. Sarà infatti posizionato su un mezzo scoperto. Ma la vera rivoluzione di questa inusuale processione senza fedeli a piedi al seguito, sta nel fatto che la statua del Santo percorrerà da nord a sud l'intero capoluogo e, infine, si fermerà in uno dei quartieri più a rischio della città, Pistoia, spesso al centro di episodi di cronaca, dove alle 19 sarà celebrata all'aperto, la Santa Messa nella solennità del Patrono.

La processione in auto

Il simulacro di San Vitaliano, partirà dalla Basilica dell'Immacolata Concezione alle 16.30 per poi attraversare i luoghi simbolo di difficoltà e sofferenza della città: il cimitero (16.15) dove c'è la prima chiesa intitolata al Santo, i due ospedali cittadini (il Civile, il Ciaccio e il Materdomini) e il carcere (16.40).
La processione in auto proseguirà, dopo aver attraversato buona parte del centro cittadino e della periferia, alle 18.20 a Catanzaro Lido. Farà poi tappa a al quartiere Corvo alle 18.40, per sostare a Pistoia, presso la parrocchia di Santa Maria della Speranza, dove, alle 19, sarà celebrata la messa all'aperto.

Articoli Correlati

Conclusa la fase diocesana per la beatificazione di Cassiodoro

Conclusa la fase diocesana per la beatificazione di Cassiodoro

Venerdì 23 luglio, alle 11, presso presso la Basilica Minore di “Santa Maria Assunta” in Squillace si terrà la Sessione di Chiusura. Per l’occasione tutti i documenti prodotti saranno sigillati e inviati in Vaticano. Poi il lavoro passerà nelle mani delle Congregazioni.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.