Scuola: gli alunni dei paesi poveri hanno perso quattro mesi – avveniredicalabria

avveniredicalabria

È quanto emerge dal rapporto «What have we learnt?», diffuso da Unesco, Unicef e Banca mondiale

Scuola: gli alunni dei paesi poveri hanno perso quattro mesi

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Alberto Baviera* - “Gli scolari dei Paesi a reddito basso e medio-basso hanno già perso quasi quattro mesi di scuola dall’inizio della pandemia, rispetto alle sei settimane registrate nei Paesi ad alto reddito”. È quanto emerge dal rapporto “What have we learnt?”, diffuso da Unesco, Unicef e Banca mondiale che raccoglie i risultati dei sondaggi sulle risposte nazionali legate al Covid-19 per quanto riguarda l’istruzione effettuati in quasi 150 Paesi tra giugno e ottobre.

Secondo i dati forniti, mentre più di due terzi dei Paesi hanno riaperto completamente o parzialmente le loro scuole, 1 su 4 non ha rispettato la data di riapertura prevista o non ha ancora fissato una data per la riapertura, la maggior parte dei quali è composta da Paesi a reddito basso e medio-basso. Inoltre, dei 79 Paesi che hanno risposto alle domande relative a questioni di finanziamento, quasi il 40% dei Paesi a reddito basso e medio-basso ha già avuto o prevede una riduzione del budget per l’istruzione del proprio Paese per l’anno fiscale in corso o per il prossimo anno fiscale.

“Secondo il rapporto - spiega Francesco Samengo, presidente di Unicef Italia - gli studenti dei Paesi a reddito basso e medio-basso sono stati quelli con minori probabilità di accedere all’apprendimento a distanza, quelli con minori probabilità di avere un monitoraggio sulla perdita dell’apprendimento, quelli con maggiori probabilità di subire ritardi nella riapertura delle scuole e quelli con maggiori probabilità di frequentare scuole con risorse inadeguate a garantire la sicurezza delle attività”.

Per Stefania Giannini, vicedirettore generale dell’Unesco per l’istruzione, “la pandemia aumenterà il deficit di fondi per l’istruzione nei paesi a basso e medio reddito. Compiendo le giuste scelte di investimento ora, invece di aspettare, questo divario potrebbe essere significativamente ridotto”.

*Agensir

Articoli Correlati

Covid-19. Altri 228 casi positivi in Calabria

Sono 228 i nuovi casi accertati in Calabria. È quanto emerge dall’ultimo bollettino del dipartimento tutela della salute della Regione Calabria. Secondo gli ultimi dati è la provincia di Reggio ad aver fatto registrare il più alto numero di positivi all’esito degli ultimi tamponi. In tutto 120.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.