Avvenire di Calabria

È uno dei venti santuari mariani d'Italia coinvolti

Si è svolto al Santuario di Dipodi il pellegrinaggio delle famiglie

L'evento precede l'incontro mondiale con papa Francesco del giugno 2022

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il santuario mariano di Dipodi, a Feroleto Antico, ha ospitato sabato scorso il pellegrinaggio delle famiglie. Un evento che si è tenuto in contemporanea in 20 santuari mariani d’Italia.

Il pellegrinaggio delle famiglie, per la Calabria scelta la Madonna di Dipodi

Un clima di speranza, gioia e comunione ha accompagnato l’evento di festa e preghiera, organizzato nell’abito del quattordicesimo Pellegrinaggio nazionale delle famiglie per la famiglia. 20 in tutto i santuari d’Italia coinvolti per questo nei fatti importante evento, uno dei quali in Svizzera. Per la Calabria è stata scelta la Madonna di Dipodi.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Il pellegrinaggio delle famiglie, prepara al decimo Incontro mondiale delle famiglie con Papa Francesco previsto a Roma dal 22 al 26 giugno 2022. 

Il vescovo di Lamezia Terme Giuseppe Schillaci ha presieduto l’eucarestia. Hanno preso parte monsignor Vincenzo Bertolone, arcivescovo di Catanzaro-Squillace e presidente della Conferenza episcopale calabra; monsignor Angelo Panzetta, arcivescovo di Crotone-Santa Severina e delegato per la Famiglia e vita della Conferenza episcopale calabra; don Antonio Astorino, rettore del santuario diocesano Madonna di Dipodi; Pietro Fazio, sindaco del Comune di Feroleto Antico; Giuseppe e Silvia Alì, segretario della Commissione per la Famiglia e vita della Conferenza episcopale calabra; Giuliana Sessa, coordinatrice regionale del Rinnovamento nello Spirito Santo; Claudio Venditti, presidente del Forum regionale delle associazioni familiari.


PER APPROFONDIRE: Superbonus, la formula di Banca Generali per «agevolare» i lavori


Tre le generazioni (nonni, genitori e figli) radunatesi per l’occasione di festa e preghiera. La recita del Rosario della Famiglia ha incarnato concretamente «il bisogno di incontrare il volto gioioso e misericordioso delle nostre famiglie. Ma anche, di una società che ha necessità di credere nel valore provvidenziale dell’amore. In modo particolare, in questa delicatissima fase storica provata dal coronavirus», ha detto Schillaci.        

Articoli Correlati

Ma i calabresi andranno a votare?

Ma i calabresi andranno a votare?

Manca una settimana al voto. Si moltiplicano gli incontri nelle città dei quattro contendenti La punta dello Stivale sembra, però, assistere con “disincanto” alla bagarre dei partiti.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.