Avvenire di Calabria

Il parroco di San Paolo alla Rotonda visita la stazione di S.Caterina e incoraggia a sostenere l'impegno dell'Associazione Culturale "Incontriamoci Sempre"

Stazione Santa Caterina, don D’Anna: «Una splendida realtà»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Giacomo D'Anna* - Durante il periodo Natalizio, sollecitato dal maestro Alessandro Calcaramo, ho visitato la stazione Fs di S.Caterina, a Reggio Calabria: una realtà meravigliosa che onora la nostra bellissima città, come esempio positivo da esportare.
Accolto con tanto calore dal presidente dell'Associazione Culturale "Incontriamoci Sempre", Pino Strati, ho avuto il piacere di visitare i bellissimi locali dell'Associazione, trasformati in museo FERROVIARIO, in cui vengono ricordate le nostre care e vecchie ferrovie, le storie dell'immigrazione, dei pezzi storici del mondo ferroviario che ricordano tanto i miei viaggi in treno.
Oltre la splendida sede di Incontriamoci sempre, ho ammirato la bellezza della scalinata che conduce alla parte sottostante della Stazione, dalla bellissima Libreria "Libri in Libertà" posta all'ingresso, in cui ogni
viaggiatore può rifornirsi gratuitamente di meravigliosi libri, alle splendide immagini dei quadri, che richiamano le bellezze del nostro meraviglioso territorio.
Altra chicca durante la mia visita, le Opere esposte al primo marciapiede: ad un certo punto mi sono confuso, pensavo di essere in una galleria d'arte! Mai vista una stazione ferroviaria così accogliente, calda, piena di calore, con luce e colori meravigliosi, pulita in ogni sua parte, con delle bellissime panchine, i cestini della raccolta differenziata, ordinati, e gli spazi riservati ai fumatori.
Tra le altre cose che ancora mi hanno colpito c'è la cura del verde, presente entrando nella piazza ed all'ingresso della Stazione. La grande passione ed amore che presta Pino Strati al sito della
stazione, ed anche negli spazi verdi comunali, nella rotatoria e nella immediata prossimità, mi hanno entusiasmato tantissimo. Anche in un momento particolare come questo, l'entusiasmo e la voglia di Pino Strati sono una speranza concreta al futuro di questa splendida città.
Personalmente credo che bisogna incoraggiare plaudire e sostenere il presidente Strati e l'associazione da lui sapientemente guidata, così come tutte le associazioni che si occupano di arte, cultura, sport,
teatro e quant'altro da sempre contribuisce alla crescita umana, spirituale e culturale della gente di buona volontà. Per questo mi permetto di rivolgermi alle autorità civili e amministrative, in
particolare a quanti seguono questo importante e nobile settore a conoscere e far conoscere la bella realtà della stazione FS di santa Caterina e di sostenerla moralmente e perché no anche economicamente affinché questo raro "fiore all'occhiello" della nostra città sia conosciuto pubblicizzato incrementato e frequentato affinché possa continuare e migliorare sempre la sua presenza e servizio a favore di tutta la nostra amata cittadinanza. In un tempo di pandemia che non vuole lasciarci nonostante gli sforzi e l'impegno di molti è fondamentale additare realtà belle e positive come quelle presenti nella nostra città e territorio e vi posso assicurare sono tanti i semplici cittadini, i professionisti e ogni tanto anche qualche "buon prete", nascosti tra le pieghe e le piaghe dei vari nostri differenti quartieri, che non esita e non si risparmia a metterci anima e corpo, come fa quotidianamente l'amico Pino Stati a rendere i nostri ambienti e rioni più vivibili e accoglienti la nostra città e società più civile e umana.
*Parroco San Paolo alla Rotonda in Reggio Calabria

Articoli Correlati

Cittadella dell’Immacolata, oasi di pace per i bimbi ucraini

Dagli scenari di guerra alla protezione della Cittadella dell’Immacolata di Bagnara: bambini ucraini in fuga ritrovano la pace nell’estremo lembo dello Stivale e, soprattutto, la gioia di poter giocare nuovamente insieme, senza alcun pericolo.

Violenza di genere, la mamma ferita: «Così sono rinata»

Una storia di maltrattamenti consumata tra le mura domestiche, può trasformarsi in un vero e proprio esempio per quante hanno ancora paura di dire «basta». La testimonianza della giovane donna, finalmente uscita dal tunnel in cui era piombata: «Oggi mi sento finalmente donna, grazie al Centro antiviolenza “Angela Morabito” di Reggio Calabria e all’amore di mia figlia»