Avvenire di Calabria

Hlc 2021, l'incontro-pellegrinaggio annuale, per la prima volta online a causa delle restrizioni anti Covid: "Israeliani e palestinesi riprendano negoziati"

Terra Santa, il messaggio finale del Coordinamento dei vescovi

Daniele Rocchi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«Le leadership israeliana e palestinese si impegnino a riprendere negoziati diretti; i nostri governi e leader politici ribadiscano il loro impegno concreto nella ricerca di una pace giusta, sostenendo il dialogo tra le due parti e il diritto internazionale e riaffermino la pluralità di Gerusalemme, dato il suo significato unico per ebrei, cristiani e musulmani». Sono queste alcune delle richieste contenute nel messaggio finale del Coordinamento dei vescovi per la Terra Santa (Holy Land Coordination, Hlc), diffuso ieri mattina a Gerusalemme al termine del loro incontro-pellegrinaggio annuale, per la prima volta "on line" a causa delle restrizioni anti Covid-19. Tradizionalmente, a gennaio, i vescovi rappresentanti gli episcopati di Usa, Ue, Canada e Sud Africa si recano in Terra Santa per portare sostegno alle comunità cristiane locali. Quest’anno, impossibilitati dalla pandemia, gli incontri sono avvenuti on line. Nel comunicato i 15 vescovi firmatari ricordano «le sfide poste dal Covid-19 aggravate dal conflitto, dall’occupazione e dal blocco israeliano». Inoltre l'assenza di pellegrini internazionali «ha esacerbato le diffuse difficoltà economiche, aumentato i livelli di disoccupazione e ha gettato molte famiglie nella povertà. La mancanza di progressi politici, insieme alla continua espansione degli insediamenti illegali e l’impatto della legge su Israele Stato-Nazione degli ebrei continua a erodere ogni prospettiva pacifica della soluzione 'due popoli due Stati'». Dai vescovi dell’Hlc giunge anche un appello alla comunità internazionale ad adoperarsi perché «Israele si assuma la responsabilità di rendere i vaccini Covid-19 accessibili ai palestinesi in Cisgiordania e Gaza, con la cooperazione da parte dell'Autorità Palestinese. Mentre molti dei nostri Paesi continuano ad affrontare gravi difficoltà a causa della pandemia – si legge nel comunicato finale – sentiamo la profonda responsabilità di sostenere i nostri fratelli cristiani della Terra Santa. Chiesa, scuole, cliniche, ospedali e altri progetti sociali, compreso il lavoro della Caritas, sono modelli di carità, giustizia e pace. Queste istituzioni cristiane sono fondamentali per unire persone di contesti diversi e per servire il bene comune. La comunità cristiana, per quanto piccola, è un importante garante della coesione sociale e portatrice di speranza per un futuro migliore. Attendiamo con impazienza il momento in cui i cristiani di tutto il mondo possano tornare a pellegrinare in Terra Santa. Fino a quel momento, incoraggiamo le nostre comunità a fornire tutta l'assistenza possibile e ricordare tutti i popoli della regione nelle nostre preghiere».

Articoli Correlati