Avvenire di Calabria

Magnitudo 4.3. Il sisma è stato avvertito, in particolare, nella zona del vibonese, dove sarebbe stato localizzato l'epicentro

Terremoto in Calabria, evacuazioni nel vibonese. Occhiuto: «Nessun danno a cose o persone»

Immediata la reazione del governatore regionale Roberto Occhiuto che ha specificato: «Nessun danno a cose o persone»

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una scossa di terremoto di magnitudo 4.3 è stata registrata in Calabria. Il sisma è stato avvertito, in particolare, nella zona del vibonese, dove sarebbe stato localizzato l'epicentro. Immediata la reazione del governatore Roberto Occhiuto che ha specificato: «Nessun danno a cose o persone».

Terremoto in Calabria, evacuazioni nel vibonese

La profondità del terremoto, secondo l'Istituto nazionale di geofisica, è stata di dieci chilometri. La scossa ha interessato, comunque, una vasta zona della Calabria. È stata avvertita distintamente anche a Lamezia Terme e Catanzaro e lungo la fascia tirrenica cosentina. 

Molte scuole e uffici sono stati fatti evacuare. Nella maggior parte dei comuni in cui è stato avvertito il sisma gli alunni delle scuole elementari sono stati raccolti in luoghi aperti adiacenti gli istituti. Le operazioni di sgombero si sono svolte, comunque, ordinatamente e non si registra alcun ferito. Molte persone che si trovavano in casa sono uscite in preda a forte allarme. Le forze dell'ordine hanno avviato accertamenti per rilevare eventuali danni, che al momento, comunque, non vengono segnalati.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


È stata sospesa la circolazione ferroviaria lungo la fascia tirrenica della Calabria. La sospensione riguarda i treni che effettuano il servizio lungo la linea Paola-Rosarno, a Tropea e tra Lamezia Terme e Catanzaro Lido. I tecnici di Rete ferroviaria italiana (Gruppo Fs italiane) stanno effettuando la ricognizione a bordo di carrelli ferroviari lungo le linee interessate per verificare le condizioni dei binari. Sono stati istituiti bus sostitutivi per i passeggeri delle linee coinvolte dalla sospensione.


PER APPROFONDIRE: Ex A3, il capo della Protezione Civile: «Ancora pericolosa»


La reazione di Occhiuto

“Dopo la forte scossa di questa mattina, il Dipartimento regionale della Protezione Civile, guidato da Fortunato Varone, si è subito attivato per una rapida ricognizione presso i Comuni più vicini all’epicentro.
Gli uffici della Regione stanno contattando tutti i sindaci e le autorità locali, e al momento fortunatamente non si registrano danni a persone o cose. La situazione è sotto controllo. Il terremoto ha ovviamente allarmato i cittadini, e giustamente tante scuole e tanti uffici sono stati evacuati, in attesa delle opportune verifiche che verranno accuratamente effettuate nelle prossime ore. Ringrazio tutta la macchina organizzativa regionale, la Protezione Civile, le forze dell’ordine, i vigili del fuoco, i volontari, e tutti coloro che in queste ore stanno lavorando per garantire serenità e sicurezza ai calabresi”. Lo afferma in una nota Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria.

Articoli Correlati

Sanità, fra carisma e diritto alla cura

La riflessione al 25° Convegno nazionale di Pastorale della Salute che si è svolto dal 7 al 15 maggio dal titolo: «Non ho nessuno che mi immerga. Universalità e diritto alle cure»