Avvenire di Calabria

L'autostrada Salerno-Reggio Calabria (oggi A2) seppur completata, in Campania e Basilica, rimane poco sicura per gli automobilisti

Ex A3, il capo della Protezione Civile: «Ancora pericolosa»

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Lo Stato dovrebbe avere più attenzione per la Calabria: l’autostrada Salerno-Reggio è stata completamente ultimata in Campania e Basilicata ma non ha avuto la stessa sorte in Calabria, dove non sono stati ammodernati ampi tratti del percorso autostradale”.
Lo scrive, in un post pubblicato sul suo profilo Facebook, il responsabile della Protezione Civile regionale, Carlo Tansi. “L’ammodernamento dell’autostrada – aggiunge – migliora sensibilmente la sua sicurezza, riduce gli incidenti stradali e diminuisce i tempi di percorrenza. Ampi tratti autostradali – tra cui il tratto in quota dove si è verificato il noto blocco per neve tra Rogliano e Cosenza dovuto anche alla mancanza della corsia d’emergenza, o tratti sottostanti versanti franoso tipo quello in cui dove si è verificata la nota frana del 2009 in cui persero la vita tre persone, o altri tratti critici – sono poco sicuri, o comunque sono meno sicuri dei tratti campani e lucani. Confido – conclude Tansi – nella sensibilità dei nuovi parlamentari calabresi, perché prendano a cuore questa criticità”.

Articoli Correlati

La Calabria investe sulla sicurezza dei ponti

Conferenza stampa in Cittadella. Applicate le Linee guida per la classificazione e la gestione del rischio. Si chiama Primi in Italia il progetto presentato dall’assessore ai trasporti e alle infrastrutture della Regione Calabria Domenica Catalfamo.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.