Avvenire di Calabria

Domani pomeriggio, a partire dalle 18 nella parrocchia di Santa Maria Maddalena di Campo Calabro

Testamento biologico, a Campo Calabro la tavola rotonda

Si discuterà del delicato tema bioetico dal profilo giuridico alle ricadute concrete nella cura della persona malata

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un convegno per studiare “La nuova legge sul testamento biologico”, il consenso informato e le disposizioni di trattamento, dal profilo giuridico alle ricadute concrete nella cura della persona malata.

È questo quanto ha in programma per domani pomeriggio, a partire dalle 18, la parrocchia di Santa Maria Maddalena di Campo Calabro. Il convegno, promosso dalla Congrega di Sant’Antonio, dalla zona pastorale di Villa San Giovanni e dall’associazione medici cattolici italiani, dopo i saluti istituzionali affidati a Franco Marturano, priore della congrega di sant’Antonio da Padova, al sindaco Sandro Repaci e al vicario di Villa San Giovanni don Antonio Carfì, proseguirà con le relazioni tecniche.

Ad approfondire i temi legati alla delicata questione bioetica saranno, moderati  dalla dirigente del reparto di medicina d’urganza Maria Pensabene, il professor Daniele Cananzi della facoltà di giurisprudenza dell’Università Mediterranea e il presidente dell’ Amci e bioeticista Cesare Romeo.

A seguire, una tavola rotonda che, sotto la presidenza di don Francesco Megale, vedrà un confronto sulle ricadute pratiche della legge, con la partecipazione del vicesindaco di Reggio Armando Neri, la dirigente di chirurgia toracica Tita La Rocca e don Antonino Palmenta.

Articoli Correlati

Concepiti in provetta? Nuova deriva a Scilla

Nei giorni scorsi, si è infiammato il dibattito sull’apertura della Casa della Salute di Scilla, in provincia di Reggio Calabria: non sarà un poliambulatorio «qualsiasi», ma nei locali verrà attivato un centro per la procreazione artificiale.

L’eutanasia non è la soluzione

Rinnovare oggi il dolore causato dalla morte di Alfie Evans è urtante ma necessario. Come non scorgere nella mentalità che ha preteso di spegnere anzitempo la vita di Alfie la stessa, efferata logica che vede nel migrante un cencioso fastidio e non una persona umana come me, non una novità che porta la sua storia dentro la nostra per aggiornarla, come in ogni epoca, per ogni popolo.