avveniredicalabria

È di una reggina, Antonia Bruno, la miglior traduzione italiana della lirica ''El mar'' dello scrittore argentino Jorge Luis Borges

Traduzione letteraria spagnolo-italiano, trionfa una reggina

L'accademica calabrese si è aggiudicata il primo premio nella quarta edizione del premio letterario nazionale per interpreti e traduttori

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

È di una reggina, Antonia Bruno, la miglior traduzione italiana della lirica ''El mar'' dello scrittore argentino Jorge Luis Borges. La traduttrice calabrese si è infatti aggiudicata il primo premio nella quarta edizione del premio letterario per interpreti e traduttori organizzato dall'Accademia “Il Fauno”, l'associazione culturale “Giovanni Arcidiacono” e il Centro studi Campaniano, che ogni anno si tiene a Firenze. Giovedì 6 dicembre, come detto, la quarta edizione ha visto trionfare la letterata reggina. Antonia Bruno è collaboratrice della cattedra di lingua inglese all'università di Reggio Calabria e vanta una lunga carriera accademica, continuando al contempo a coltivare il proprio dono per le traduzioni dallo spagnolo all'italiano.

«Voglio ringraziare la commissione e l'organizzazione del premio - ha detto Bruno nel corso della premiazione fiorentina - perché danno la possibilità di esprimersi a chi come me ha una passione per la traduzione che molto spesso a livello nazionale è tenuta in poco conto».

Articoli Correlati

Quando don Sarino Pietropaolo «sbarcò» sulla luna

La poesia del sacerdote reggino in occasione della missione di Apollo 11 del 21 luglio 1969. A cinquant’anni di distanza, don Sarino ci ha riproposto le sue rime ispirate da quell’entusiasmante evento storico.

Un premio di poesia per ricordare don Mimmo Marino

La parrocchia di Santa Maria Odigitria lo indice per onorare il sacerdote scomparso nel 2013. Previste tre sezioni: per concorrere è necessario far pervenire una poesia in lingua italiana o in vernacolo di massimo 32 versi,entro il 12 aprile 2019

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.