Avvenire di Calabria

Il ricordo di Mario Casile, diacono birituale e direttore dell'Ufficio per l’ecumenismo dell’arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova

Un anno senza padre Engels, l’eremita che amò la Bovesìa

Il padre religioso belga seppe coniugare culto latino e bizantino

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«È già un anno da quando il nostro venerato padre Giacomo è passato dalla conversazione terrena con noi a quella dell’eterno amore trinitario, in quella pace e in quella gioia che continua a comunicarci ormai dalle dimore celesti». Inizia così il ricordo che Mario Casile, diacono birituale e direttore dell’Ufficio per l’ecumenismo dell’arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova, fa di padre Giacomo Engels.

Padre Giacomo Engels, sacerdote e monaco benedettino di origini belghe, è tornato alla casa del Padre il 9 aprile di un anno fa a causa delle complicanze provocate dal Covid-19. Nominato canonico onorario del Capitolo Metropolitano di Reggio Calabria - Bova nel 2019 dall’allora arcivescovo monsignor Giuseppe Fiorini Morosini, padre Engels, è stato uomo e religioso di profonda spiritualità.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Seppe unire una grande passione per il culto orientale a quello latino, che trovava una sintesi nel suo attaccamento all’area grecanica della arcidiocesi reggina-bovese, zona che conosce ancora importanti radici greco-orientali anche dal punto di vista della liturgia e delle tradizioni.

Padre Giacomo Engels ha mantenuta vivissima l’antica fiamma della spiritualità bizantina nella terra reggina, costituendo la comunità bizantino–cattolica “San Cipriano” a Cannavò, creando una piccola Chiesa–Eremo in stile bizantino. Mentre a Bova, su impulso dello stesso Padre Engels, la Chiesa dello Spirito Santo è stata resa idonea alla Celebrazione in rito greco–bizantino: tutt’oggi a presiedere i riti è il diacono Mario Casile.

Padre Engels, cultore della spiritualità d’Oriente

«Mentre viveva sulla terra egli, pur risiedendo in un monastero assai distante da noi, durante cinquant’anni - ricorda ancora Casile - è venuto a trovarci ogni anno, e spesso più volte in un anno, per collaborare con noi ed aiutarci nell’impegno di rinascita, nella memoria e nella vita, dell’eredità spirituale d’Oriente a noi trasmessa dai monaci italo-greci. Di essi padre Giacomo era come un moderno confratello d’Occidente».

«Questo santo monaco e fratello carissimo - ancora il ricordo - ci ha introdotti alla preghiera della Chiesa d’Oriente e ci ha donato la gioia di partecipare alla Divina Liturgia, da lui innumerevoli volte celebrata nei nostri luoghi: Reggio, Gerace, Palmi, Bova e in tutti i borghi dispersi della Calabria, dove rimaneva il solco spirituale della civiltà bizantina un tempo fiorente». Conclude Casile:


PER APPROFONDIRE: Si è spento per Covid il canonico padre Giacomo Engels


«Vogliamo ricordare con piena gratitudine quel che padre Engels ci ha donato, sentendoci sempre accompagnati e protetti dalla sua continua intercessione per noi dal Cielo».

Articoli Correlati

Padre Mundjo Benoit riceve la cittadinanza onoraria di San Roberto

Si è spento padre Mundjo Benoit, domani le esequie a San Roberto

Il sacerdote Wilondja Mundjo Benoit, di origini congolesi, ha concluso ieri la sua vita terrena. Era il pastore della comunità di San Roberto (Reggio Calabria) dal 2002. Prima era stato vicario parrocchiale nella parrocchia San Pio X al Santuario di Modena. Si è sempre distinto per i suoi tratti umani e per la sua grande bontà. Era anche punto di riferimento per la comunità congolese a Reggio Calabria.