Avvenire di Calabria

Riconoscimento per la tesi di dottorato inedita “Le Iscrizioni Cristiane dell’Area I di Callisto”, discussa presso il Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana

Un reggino premiato in Vaticano: è Domenico Benoci dottorando in Archeologia cristiana

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’edizione 2020 del Premio delle Pontificie Accademie ha subito un inevitabile slittamento a causa della emergenza Covid.

Su proposta del Consiglio di Coordinamento fra Pontificie Accademie, il Premio 2020, riservato alla Pontificia Accademia Romana di Archeologia e alla Pontificia Accademia Cultorum Martyrum, e consistente nella Medaglia d’oro del Pontificato, è stato assegnata a Győző Vörös, Membro della Hungarian Academy of Arts,per il progetto The Machaerus Archaeological Excavations, illustrato in tre volumi pubblicati dalle Edizioni Terra Santa (2013, 2015, 2019).

Sempre su proposta del Consiglio di Coordinamento fra Pontificie Accademie, la Medaglia d’argento del Pontificato è stata conferita al reggino Domenico Benoci, per la tesi di dottorato inedita “Le Iscrizioni Cristiane dell’Area I di Callisto”, discussa presso il Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana, e a Gabriele Castiglia, per la monografia edita “Topografia Cristiana della Toscana centro-settentrionale (Città e campagne dal IV al X secolo)”, Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana, Città del Vaticano 2020.

La Seduta delle Pontificie Accademie, nella quale il Segretario di Stato, a nome del Santo Padre, consegnerà ai vincitori i rispettivi Premi, si terrà all’inizio del prossimo anno, in coincidenza con l’avvio delle commemorazioni del Bicentenario della nascita dell’archeologo Giovanni Battista De Rossi, fondatore della moderna archeologia cristiana e Magister del Collegium Cultorum Martyrum.

Articoli Correlati

Udienza Papa: «Non c’è contrapposizione tra contemplazione e azione»

“Chi vive in una grande città rischia di perdere la capacità di contemplare”, così il Santo Padre durante nella catechesi di oggi, trasmessa in diretta streaming dalla biblioteca privata del Palazzo apostolico. “La dimensione contemplativa dell’essere umano – che non è ancora la preghiera contemplativa – è un po’ come il sale della vita”, ha esordito Francesco.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.