Avvenire di Calabria

Il Comune di Reggio Calabria ha ufficializzato la nascita di un Comitato per la valorizzazione delle cultura ebraica sul territorio

Cultura ebraica in Calabria, insediato un comitato per la valorizzazione

A darne notizia è l'assessore Angela Martino che spiega: «Puntiamo ad un riconoscimento pieno, dovuto e necessario»

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Comune di Reggio Calabria ha ufficializzato la nascita di un Comitato per la valorizzazione delle cultura ebraica sul territorio. A darne notizia è l'assessore Angela Martino che spiega: «Puntiamo ad un riconoscimento pieno, dovuto e necessario».

Un comitato per la valorizzazione della cultura ebraica in Calabria

Si è ufficialmente insediato a Reggio Calabria il Comitato per la valorizzazione della cultura Ebraica in Calabria. Voluto dalla giunta comunale guidata dal sindaco facente funzioni Paolo Brunetti, il Comitato ha sede al Castello Aragonese e coinvolge diverse istituzioni culturali cittadine.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


La presentazione del nuovo organismo di studio, ricerca e approfondimento si è svolta nella sala "De La Vega" dell'antica fortezza, a cura dell'assessora comunale Angela Martino, della funzionaria del settore Cultura di Palazzo San Giorgio, Daniela Neri, del consigliere metropolitano delegato alla Cultura, Filippo Quartuccio, del soprintendente Archeologia, Belle Arti e paesaggio per Reggio e Vibo, Fabrizio Sudano, di Daniele Colistra per l'università "Mediterranea", del presidente dell'Ucei Roque Pugliese, di Francesco Megalizzi per la Soprintendenza archivistica e di Deborah Penchassi, direttrice della Danely Foundation di New York e ricercatrice esperta dell'antica cultura Ebraica in Italia.


PER APPROFONDIRE: La Calabria e l’ebraismo: un’amicizia millenaria tra cedri perfetti, tipografi antesignani e la Giudecca di Reggio


Angela Marino, riconoscendo gli sforzi e l'impegno dell'assessora comunale alla Cultura, Irene Calabrò, ha sottolineato «l'importanza di un evento in cui il Comune è capofila e che muove i primi passi per volontà delle prime giunte del sindaco Giuseppe Falcomatà». «Insieme alle più importanti istituzioni culturali cittadine - ha detto - puntiamo ad un riconoscimento pieno, dovuto e necessario dell'antica cultura ebraica, immaginando possa portare anche alla costituzione di un vero e proprio polo museale. Reggio, per la sua posizione, è stata crocevia di tantissimi popoli e moltissime culture e l'intento è quello di promuovere la sua storia e le sue millenarie radici per uno sviluppo, più in generale, dell'intero territorio anche in chiave economica e sociale».

Per il consigliere metropolitano Filippo Quartuccio «è doveroso recuperare la memoria» e l'impegno della Città Metropolitana è proiettato a «garantire il dialogo interreligioso e fra le diverse comunità». «Il compito del nostro Ente - ha aggiunto - è quello di stimolare le coscienze e contribuire al recupero della storia e della presenza ebraica in Calabria affinché si possa legare con il ruolo che la regione ha nel mondo».

Articoli Correlati

Calabria, la nuova sfida è la sostenibilità

“Tra terra e acqua: sfide e opportunità per una Calabria più sostenibile” è il tema della giornata di studio e approfondimento, organizzata dipartimento Territorio e Tutela dell’ambiente della Regione.