Avvenire di Calabria

Domenica scorsa nella sala del Consiglio Comunale di Bova si é svolta la cerimonia di consegna dei Premi ai vincitori

A Bova la IV edizione del Premio Rohlfs – Mosino – Karanastasis

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Domenica 6 settembre 2020 nella sala del Consiglio Comunale di Bova si é svolta la cerimonia di consegna dei Premi ai vincitori della IV Edizione del Premio letterario Internazionale G. Rohlfs-F.Mosino -A.Karanastasis.
Sono risultati vincitori per la sezione Poesia: "Choma c'è tsichì" - Terra e anima, opera postuma di Antonio Tommasi, griko di Calimera - Puglia, presentata dalla famiglia; Dieci canzoni per la divulgazione della lingua greca di Calabria (progetto Traghuda) di Francesca Prestia, cantastorie di Calabria

Per la sezione Studi e Ricerche si sono aggiudicati il Premio: Documenti e Discussioni sui dialetti Calabrese e Siciliano.Un percorso dall'antico al moderno, opera postuma del prof Giuseppe Falcone, titolare della cattedra di “Dialettologia italiana” all’Università di Messina (l’opera è stata presentata dal figlio Domenico Falcone); Diu Glosse, mia glossa - Greco di Calabria e greco salentino a confronto; Trattato di lingua a cura di Salvatore Tommasi e del Circolo Culturale Apodiafazzi.

Per la Sezione Saggistica il Premio G. Rohlfs-F.Mosino -A.Karanastasis è andato all’opera Tra toponimi e filologia, scritti inediti di Franco Mosino - opera postuma presentata da Calabria Sconosciuta, rivista trimestrale di cultura e turismo; Il Volto Ambiguo della Storia: Menzogne e verità - Aspetti di storia contemporanea reggina nel contesto nazionale di Agazio Trombetta.

Sono intervenuti il dottor Carmelo Giuseppe Nucera, presidente del Circolo Culturale Apodiafazzi, ideatore ed esecutore del Premio, e il Senatore Avvocato Felice Besostri, relatore di maggioranza al Senato per l'approvazione della Legge 482/99. Quest’ultimo ha intrattenuto l'uditorio con un forte intervento dedicato al "contributo delle Minoranze linguistiche storiche - ignorate dalle leggi elettorali europee, nazionali, regionali - alla ricchezza culturale e politica dell'Italia”.

Al Senatore é stata consegnata una targa, opera unica del maestro Fortunato Violi, per "aver interpretato le aspettative delle minoranze storiche linguistiche della Calabria, per i cui diritti continua a battersi".
Nel suo intervento il presidente Nucera ha invece ringraziato tutti coloro che hanno inviato messaggi di congratulazioni alla manifestazione, rivolgendo anche un pensiero alle famiglie dei compianti studiosi ai quali il Premio è dedicato, e alla famiglia Witte, nell’anno in cui ricorre il bicentenario della visita a Bova dello studioso che ha dato il via all'opera di valorizzazione della lingua e della cultura dei Greci di Calabria.

Un pensiero è andato inoltre alle altre due minoranze calabresi, Albanese e Occitana, nonché alle istituzioni che hanno sostenuto o patrocinato il Premio: la Regione Calabria, la Città Metropolitana di Reggio, il Comune di Bova, l'Ente Parco d'Aspromonte, l'Ambasciata di Germania, l'Ambasciata di Grecia, la Camera di Commercio italo-greca di Atene.
Particolarmente apprezzati gli interventi di Eleonora Tommasi e Salvatore Tommasi, griki di Puglia, in diretta streaming, e vincitori del Premio - Sezione Poesia e Sezione studi e Ricerche.
All’incontro è intervenuto anche il poeta Salvino Nucera che ha presentato la poesia grika di Antonio Tommasi.

Articoli Correlati

Bova ricorda il giudice Giuseppe Viola

Un incontro commemorativo di riflessione si svolgerà nella Città grecanica.
Tra i relatori anche monsignor Denisi e il professor Amato, sarà ricordata questo pomeriggio a Bova, la figura del giudice Giuseppe Viola, uomo di sport e non solo, recentemente scomparso.