Avvenire di Calabria

Prova super dell'americano (nella foto) contro Luca Garri e compagni

Alex Legion trascina la Viola nell’impresa di Tortona

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una Viola tutto cuore batte Tortona, sfatando finalmente il tabù trasferta, e conquista due punti importantissimi che fanno bene all’umore. Dopo un digiuno durato poco più di un mese, la squadra di coach Antonio Paternoster torna al successo trascinata da un super Legion, che realizza 26 punti, e da capitan Fabi, che di punti ne mette a segno 17. Gara quasi perfetta quella giocata dalla Viola Reggio Calabria, che sin dal primo minuto è attenta, determinata, sicura di sé. Dopo aver chiuso il primo quarto appena sotto di una lunghezza, nel secondo tempo la squadra neroarancio prende le misure e stacca l’avversario fino ad arrivare all’intervallo lungo in vantaggio di 7 punti (35-42). Vantaggio che i calabresi, nella seconda parte di gara, gestiscono senza affanni. Una grande prova di maturità, così come aveva chiesto alla vigilia coach Antonio Paternoster alla sua squadra, che mette finalmente fine ad un periodo buio durato qualche settimana.

ORSI TORTONA-VIOLA REGGIO CALABRIA 62-77 (23-22; 12-20; 12-12; 15-23)

ORSI TORTONA: Cucci 4, Mascherpa, Reati 8, Sanna 5, Garri 8, Cosey 17, Alviti 8, Ricci 4, Greene 5 Conti 3. Coach: D. Cavina

VIOLA REGGIO CALABRIA: Caroti 5, Legion 26, Marulli 2, Lupusor 9, Micevic, Taflaj 5, Radic 8, Fallucca 5, Fabi 17. Coach: A. Paternoster

ARBITRI: D’Amato, Gagliardi, Azami

Articoli Correlati

Bova ricorda il giudice Viola

Un incontro commemorativo di riflessione si svolgerà nella Città grecanica.
Tra i relatori anche monsignor Denisi e il professor Amato, sarà ricordata questo pomeriggio a Bova, la figura del giudice Giuseppe Viola, uomo di sport e non solo, recentemente scomparso.

Viola, il reggino Paolo Frascati è neroarancio

Per me è una sensazione unica e motivo d’orgoglio tornare a giocare a casa – confessa Paolo – ringrazio il Gm Barrile e il coach Bolignano per avermi dato questa possibilità e spero di non deluderli.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.