Avvenire di Calabria

Già da qualche anno la Conferenza episcopale italiana ha diffuso online il materiale. Tanti gli episodi spiegati con le illustrazioni

Catechesi e disabilità, un “tabù” ampiamente sfatato

In particolare la «Caa», acronimo di “comunicazione aumentativa alternativa”, consente di far leggere il Vangelo per immagini

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Come si pone il mondo della catechesi rispetto alle persone con disabilità? Un passaggio epocale è rappresentato dall'adozione di nuovi linguaggi che consentono una crescente inclusione nei gruppi.

La catechesi che cambia e abbraccia le disabilità

Già da qualche anno la Conferenza episcopale italiana (Cei) ha diffuso online i libri in simboli per il catechismo dei bambini autistici o con paralisi cerebrali. I testi delle narrazioni sono accompagnati da prototipi realizzati ad hoc.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


Le illustrazioni rappresentano persone e dettagli dei passi narrati. Gerusalemme, città rappresentata graficamente con il suo Gòlgota e, in cima, tre croci. Il volto di Cristo raffigurato con la rappresentazione del Pantocratore presente nel duomo di Monreale. Immagini che diventano prototipi individuati per comunicare episodi del Vangelo a persone con disabilità intellettiva, come bambini autistici o con paralisi cerebrali, e che trovano spazio in alcuni libri in simboli destinati alla catechesi.

A realizzarli è stato il Settore disabili dell’Ufficio catechistico nazionale della Cei. Un lavoro che ha portato alla narrazione, attraverso la comunicazione aumentativa alternativa (Caa), di alcuni brani biblici. Si tratta per lo più di parabole, come quella del seminatore, o di episodi come l’ingresso di Gesù a Gerusalemme nella Domenica delle Palme e l’ultima cena. Il primo passaggio di questo lavoro consiste nella semplificazione del testo biblico, attraverso una suddivisione in sequenze e una facilitazione della formula linguistica.

Subito dopo, è stata realizzata la trasposizione dal codice alfabetico fonografico al codice in simboli e pittogrammi. È, in questa fase delicata, che si è riuscito a elaborarne i nuovi simboli con una valenza appropriata sia dal punto di vista biblico-catechetico sia sul versante metacognitivo. Per sviluppare questo processo, alcuni specialisti di diverse disabilità, vari responsabili del settore riuniti in un “Tavolo dei linguaggi”, hanno lavorato assieme. E con loro, genitori, insegnanti, biblisti dell’Apostolato biblico, liturgisti e operatori pastorali.


PER APPROFONDIRE: Santoro: «Essere catechista vuol dire rispondere a una vocazione»


Un lavoro corale che ha già dato come frutti alcuni testi che oggi ampliano la serie dei passi biblici tradotti. «Abbiamo cercato di far dialogare una lingua con l’altra in una prospettiva di inclusione, perché ogni persona con la propria disabilità potesse approcciarsi alla Parola di Dio» spiega la professoressa Fiorenza Pestelli, membro del gruppo nazionale di esperti del Settore catechesi disabili: «L’idea era quella di permettere la comprensione del testo biblico attraverso la creazione di uno spazio di comunicazione tra persone sorde, cieche e persone con la sindrome dello spettro autistico in modo da metterli in dialogo nonostante le disabilità diverse».

Articoli Correlati

La migrazione è ricchezza anche per chi accoglie

La migrazione può essere ricchezza per chi accoglie? In vista della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato che si celebra il 25 settembre, il Papa ci offre tanti spunti di riflessione.

giornata mondiale nonni

Oggi si festeggia la Giornata mondiale dei nonni

Papa Francesco ha stabilito, nel 2021, che la Giornata mondiale dei nonni si celebrerà ogni anno la quarta domenica di luglio, intorno alla festa dei santi Gioacchino e Anna, nonni di Gesù.