avveniredicalabria

Svelati i dettagli dalla Dia con una conferenza stampa col procuratore vicario, Paci

Colpo alle ‘ndrine Tegano e Condello: sei arresti

Sequestrati beni per un valore complessivo di undici milioni di euro: erano patrimonio dei clan

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Operazione Thalassa, emergono i primi dettagli dell'operazione della Dia. Gli arrestati sono 6 (di cui uno ai domiciliari). Si tratta dei fratelli Francesco e Andrea Vazzana, nipoti del superboss Pasquale Condello, detto "Il Supremo", e di Francesco Polimeni, Demetrio Postorino, Salvatore Postorino e Francesco Richichi. Imprenditori che non disdegnavano le maniere forti, utilizzando i metodi mafiosi per piegare competitor e fornitori alle loro volontà. In tutto gli indagati sono 23, tra cui un funzionario del Comune di Reggio Calabria che avrebbe favorito gli imprenditori, collusi ai potentissimi clan Tegano e Condello di Archi, nella loro attività edile illecita. Sequestrato un patrimonio aziendale di 5 imprese riconducibili ai fermati per un valore di 11 milioni di euro.

Articoli Correlati

Mafia e petroli, blitz tra Calabria, Campania e Lazio

Le mani delle mafie sui petroli, operazione della Guardia di Finanza tra Napoli, Roma, Catanzaro e Reggio Calabria. 70 gli arresti. Le accuse: associazione di tipo mafioso, riciclaggio e frode fiscale di prodotti petroliferi. Sequestro per 1 miliardo

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.