Comuni e Asili nido: Trento più virtuosa, Reggio Calabria ultima – avveniredicalabria

avveniredicalabria

I bambini sotto i tre anni accolti in servizi comunali o finanziati dai comuni variano dal 18,3% del Centro al 4,1% del Sud

Comuni e Asili nido: Trento più virtuosa, Reggio Calabria ultima

Venezia ha una spesa pro capite di 2.935 euro, il capoluogo dello Stretto si ferma a 19

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Le differenze di spesa per gli asili nido tra i comuni italiani sono ancora molto rilevanti. Secondo i dati Istat diffusi oggi si passa dai 3.545 euro per bambino residente a Trento ai 19 di Reggio Calabria.

Tra le piu’ virtuose ci sono Venezia con 2.935, Roma con 2.843, Aosta con 2.804 euro pro-capite; sul versante opposto oltre a Reggio Calabria ci sono Catanzaro (38 euro) e Vibo Valentia (46 euro). Infine i comuni di Lanusei e Sanluri non hanno riportato spese per questo tipo di servizio.

Nell'anno educativo 2014/15 sono state censite sul territorio nazionale 13.262 unità che offrono servizi socio-educativi per la prima infanzia, il 36% è pubblico e il 64% privato. I posti disponibili, in tutto 357.786, coprono il 22,8% del potenziale bacino di utenza (i bambini sotto i tre anni residenti in Italia) in lieve aumento rispetto al 22,5% del 2014. Per i servizi socio-educativi rivolti alla prima infanzia i Comuni hanno impegnato nel 2014 1 miliardo 482 milioni di euro, il 5% in meno rispetto all'anno precedente.

Le famiglie contribuiscono in misura crescente ai costi del servizio: dal 2004 al 2014 la quota è passata dal 17,4 al 20,3% della spesa corrente impegnata dai Comuni per i servizi socio-educativi. Permangono differenze molto rilevanti fra il Mezzogiorno e il resto del paese: al Nord-est e al Centro Italia i posti censiti nelle strutture pubbliche e private coprono il 30% dei bambini sotto i 3 anni, al Nord-ovest il 27% mentre al Sud e nelle Isole si hanno rispettivamente 10 e 14 posti per cento bambini residenti. I bambini sotto i tre anni accolti in servizi comunali o finanziati dai comuni variano dal 18,3% del Centro al 4,1% del Sud.

Notevoli anche le differenze nella spesa comunale in rapporto al potenziale bacino di utenza. Confrontando i Comuni capoluogo di provincia, la spesa più alta si ha a Trento, con 3.545 euro per bambino residente, seguono Venezia con 2.935, Roma con 2.843, Aosta con 2.804 euro; sul versante opposto si trovano i Comuni di Reggio Calabria (19 euro per bambino), Catanzaro (38 euro), Vibo Valentia (46 euro).

Articoli Correlati

Calabria, solo il 2,6 per cento frequenta un nido pubblico

Una famiglia media spende quasi 400 euro al mese. Forti differenze tra nord e sud. Per sostenere la natalità e contrastare povertà educativa e disuguaglianze, occorre ridurre la spesa a carico delle famiglie e incrementare i posti disponibili nei Comuni. Nasce su queste premesse l’impegno del nuovo governo annunciato ieri dal premier Conte

Quattro asili chiudono le porte ad una bimba diabetica

La motivazione è l’incapacità di un’eventuale gestione dell’emergenza degli insegnanti; la denuncia dell’A.G.D. prof. Renato Caminiti di Villa San Giovanni. Il Sindaco Falcomatà: «Asili comunali pronti ad accoglierla, se rientra in graduatoria».

Tags:

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.