Avvenire di Calabria

L'ultimo appuntamento ha visto i giovani confrontarsi con istituzioni e chiesa

Conclusa l’esperienza Scholas Cittadinanza a Reggio Calabria

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Conclusa l'esperienza Scholas Cittadinanza a Reggio Calabria. In occasione della giornata di chiusura dell’esperienza educativa, nell’Istituto Volta di Reggio Calabria sono arrivati ad ascoltare i giovani il Sindaco della città metropolitana Giuseppe Falcomatà, la Dirigente Scolastica Maria Rosa Monterosso e Don Pietro Sergi Direttore ufficio scuola della diocesi di Reggio Calabria, in rappresentanza del nuovo vescovo Mons. Fortunato Morrone.

Il confronto con i giovani

Il Sindaco Falcomatà, dopo aver ascoltato con cura i giovani della sua città, ha ricordato che “La giunta comunale sta portando e porterà avanti sempre più attività come quella che si sta concludendo; attività di vicinanza ai giovani della città che sono parte integrante di quella che mi piace definire “infrastruttura umana”. Questo tipo di infrastruttura è quella che più di tutte dobbiamo implementare nella nostra città, quella che sottende, sostiene e da senso di essere tutte le altre.” Ha quindi spronato i giovani a dare il loro meglio e ha ricordato le parole di Papa Francesco che in un incontro ha esortato tutti a prendersi cura della Casa Comune di tutti noi, le nostre città, la nostra madre terra.

Don Pietro Sergi ha portato i saluti del Vescovo che “è vicino alle necessità dei giovani del territorio reggino e non mancherà occasione di continuare a supportare e portare avanti insieme alle autorità del territorio le idee proposte quest’oggi dai ragazzi.” La Dirigente Scolastica Maria Rosa Monterosso dopo aver speso parole di apprezzamento per le attività svolte e il murales dipinto dai giovani si è detta pronta a continuare a restare all’ascolto dei ragazzi anche nel prossimo anno scolastico.

Cos'è Scholas Cittadinanza

Alessandra Graziosi, Coordinatrice della sede italiana della Fondazione, conclusa l'esperienza Scholas Cittadinanza a Reggio Calabria, dichiara: “Oggi siamo a Reggio Calabria e celebriamo la conclusione di “Scholas Cittadinanza”, un progetto che promuove il dialogo e la cooperazione, esalta l’importanza della partecipazione e dell’impegno sociale e civile. Come ha detto il Ministro Bianchi, il 20 maggio alla presenza del Santo Padre, Scholas è una scuola “affettuosa e che accoglie” e noi di Scholas lo facciamo attraverso l’ascolto e la creazione, portiamo avanti la nostra utopia di “creare con questa educazione una cultura dell’incontro”.” E conclude: “Continueremo ad essere al fianco della comunità scolastica reggina, delle istituzioni locali e dei giovani. La giornata di oggi non è una conclusione, ma segna un punto di inizio per Scholas per avviare un lavoro comunitario sul territorio perseguendo gli obiettivi del Patto educativo Globale, tanto caro al nostro fondatore e guida Papa Francesco.”

Il progetto Scholas Cittadinanza

Scholas Cittadinanza, il progetto educativo di Scholas Occurrentes supportato dal Ministero dell’Istruzione, è iniziato lunedì 5 luglio al Liceo Volta della città di Reggio Calabria, a cui hanno partecipato 24 giovani di diverse scuole della città. Il programma si è diviso in due fasi. Una selezione delle problematiche: dalla condivisione delle esperienze e delle preoccupazioni personali dei giovani, sono state esposte alcune problematiche comuni. Successivamente la problematica più presente e preoccupante prescelta è stata: la carenza di opportunità per i giovani a Reggio Calabria.

Nella seconda fase, definita di "immersione", si è lavorato con diverse dinamiche per approfondire il tema scelto - tra queste la realizzazione di un sondaggio che ha coinvolto diverse persone della comunità sul problema. I giovani sono stati divisi in piccoli gruppi all'interno dei quali il problema è stato decostruito per riconoscerne i diversi aspetti e l’identificazione dei diversi attori sociali coinvolti nel problema, al fine di dare risposte che creino iniziative che permettano un reale cambiamento nelle persone. Il progetto ha previsto anche un'istanza di dialogo con una serie di agenti di comunità di Reggio Calabria, che hanno ascoltato i giovani e dalle loro diverse discipline e punti di vista hanno dato segnali e domande che hanno permesso lo sviluppo creativo delle iniziative. 

La Fondazione Scholas Occurrentes

Scholas è un'Organizzazione Internazionale di Diritto Pontificio creata da Papa Francesco il 13 agosto 2013, presente in 190 Paesi con una rete che comprende cinquecentomila scuole e reti educative di tutte le confessioni religiose e laiche, sia statali che paritarie. Il suo obiettivo è promuovere la cultura dell’incontro per la Pace attraverso l'educazione.

Articoli Correlati

La dispersione scolastica fa comodo ai clan

La dispersione scolastica è un fenomeno che fa comodo ai clan. La ‘ndrangheta continua ad attingere alle sacche disagiate della popolazione e a quei contesti familiari in cui è diffuso il fenomeno dell’abbandono della scuola.

Cannizzaro sui 45 milioni destinati a Reggio

45 milioni destinati a Reggio. Il deputato reggino Francesco Cannizzaro parla di meriti di Forza Italia. A fargli eco, il collega di partito e capogruppo della commissione bilancio, Roberto Pella.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.