Avvenire di Calabria

Il rettore del Seminario "Pio XI" di Reggio racconta la sua chiamata

«Continuo a stupirmi di come Dio sia tutto»

Don Salvatore Santoro ringrazia Dio per gli anni vissuti in comunione con lui

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«Il vangelo lo si legge come le lettere ebraiche: partendo dalla fine..». Con questo verso, davvero suggestivo, il poeta polacco Twardowski immagina di poter spiegare la forza dirompente della resurrezione di Gesù, interpretandola come quel terminus ad quem che è paradigma di ogni storia, raggio luminoso che chiarisce e rischiara ogni presente ed ogni passato.

E’ proprio così: amando e vivendo il tuo oggi, riesci a percepire bene il filo d’oro che porta alle tue origini, la radice (che rimane nascosta) che sostiene l’albero della tua vita! Con gratitudine e stupore, proprio partendo ”..dalla fine..” - cioè da quanto oggi il Signore scrive nella mia esistenza, soprattutto in questi anni di ministero in seminario - mi è facile ricuperare la trama e l’ordito del mio incontro con Gesù e con la chiesa, fino a risalire alle radici della mia fede che, come per tanti di noi, mi riportano alla culla della mia famiglia: anch’io ho imparato a pregare assieme a mamma e papà, nutrito dalla fede dei miei cari; anch’io ho vissuto in parrocchia il tempo della formazione, della ricerca (anche della crisi), dell’amicizia e del servizio; anch’io debbo alla premura ed alla paternità di tanti preti e laici, innamorati di Dio ed appassionati dell’uomo, la scoperta della mia vocazione.

Dietro un prete c’è sempre un prete! Sono sempre stato convintissimo di questa cosa, ed è stato così anche per me: nel discernimento (a tratti anche tumultuoso!) della volontà di Dio sulla mia vita e nella decisione finale di mettermi a sua completa disposizione, ci sono stati tanti sacerdoti (qualcuno con una incidenza particolare) che, con pazienza e “senza sconti”, mi hanno entusiasmato, custodito, ascoltato, “spiazzato”, incoraggiato. “La Chiesa non cresce per proselitismo ma per attrazione”: è qui la “chiave” della pastorale, soprattutto quella di orientamento vocazionale! Anch’io avevo un “sogno nel cassetto”: mi hanno sempre appassionato la letteratura, la medicina, il mistero della vita e dei meccanismi che la sostengono; ho capito, però, che il Signore non mi chiamava tanto a “curare” qualcuno, quanto piuttosto “a prendermi cura” di tutti i suoi figli, dei loro sogni e delle loro speranze, delle loro notti e delle loro albe..

Ho “fatto i conti” con il desiderio umanissimo di amare e di essere amato e non ho pensato, francamente, da subito, al sacerdozio: l’ho capito poco alla volta e non senza fatica, in particolare vivendo la stagione stupenda (che per certi versi non è mai finita) di accompagnamento dei giovani, soprattutto nel servizio in Azione Cattolica, nutrito da un particolare fascino per la sacra Scrittura. Accanto ai giovani (ho scoperto che sono loro i nuovi poveri, da amare e servire!) ho capito che avrei dovuto spendere le mie energie, prima come educatore, poi da parroco – cercando di non far mancare niente a nessuno – oggi da rettore. Dopo ventiquattro anni di ministero, sono felice di stupirmi di come, tra i “tanti tanto” che il Signore mi ha regalato, Lui continui ad emergere, per me, come il Tutto: questo rende bellissima l’avventura di un prete, ed è la ..radice che sostiene e rende fecondo il grande albero della sua vita!

Articoli Correlati

Monsignor Santo Marcianò è arcivescovo da quindici anni

«Ogni ministero che il Signore affida ci supera e mostra una sproporzione con le capacità umane; ma, nell’accoglierlo, sperimentiamo che la fedeltà di Dio precede e accompagna. E parlare di fedeltà è applicare una categoria dell’amore». A 15 anni dalla sua consacrazione episcopale, Monsignor Marcianò ripercorre gli anni di ministero episcopale

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.