Avvenire di Calabria

Il vescovo di Lamezia Terme, monsignor Giuseppe Schillaci in collegamento da Roma: “Testimone di una fede che si incarna a servizio del bene comune”

Diocesi Lamezia Terme: incontro online su Rosario Livatino

Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Picciotti, che cosa vi ho fatto?”. Queste le ultime parole rivolte ai suoi uccisori dal giudice Rosario Livatino, che sarà proclamato Beato domani nella Cattedrale di Agrigento, con una cerimonia presieduta dal cardinale Marcello Semeraro prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi. L’uomo e il magistrato, l’impegno professionale coniugato con la fede fino al dono supremo della vita, l’attualità della sua testimonianza per il nostro tempo sono i tratti della figura del futuro Beato evidenziati nell’ambito dell’incontro online “Quanto siamo stati credibili”, promosso dall’ufficio per le comunicazioni sociali della diocesi di Lamezia Terme in collaborazione con l’unione cattolica della stampa italiana (Ucsi) Calabria.
“La beatificazione di Rosario Livatino mette in luce la profonda unità tra la fede e l’impegno quotidiano. Nella misura in cui il cristiano vive un rapporto autentico con Dio, riesce ad impegnarsi in modo concreto e a servire il bene comune nella società – ha detto il vescovo di Lamezia Terme Giuseppe Schillaci in collegamento da Roma – Rosario Livatino è la testimonianza di una fede che non è idea, astrazione, ma che si incarna e diventa credibile. Egli è stato un seme di fraternità. Livatino si è lasciato interpellare dalla realtà e ha risposto servendo lo Stato, la comunità, fino al dono della vita. La sua testimonianza è un ammonimento per tutti noi a sconfiggere il male con il bene mettendosi a servizio del bene in maniera totale e incondizionata. Il suo esempio sia luce per tutti noi, che ne abbiamo particolarmente bisogno in questo momento difficile che stiamo attraversando”.
Per don Valerio Chiovaro, direttore dell’Ucsi Calabria, “Rosario Livatino ha manifestato la sua santità nel vivere il suo essere “magis”, vale a dire il suo essere “di più” rispetto agli altri collegato al suo ruolo professionale, nella logica del “minus”, del servizio. Ci auguriamo, ispirandoci alla sua figura, di riscoprire la bellezza della serenità di una vita spesa in una testimonianza quotidiana della nostra fede. Il martirio è proprio questo: testimonianza quotidiana della fede da vivere nella “normalità” di ogni giorno, che ci fa essere lievito che fermenta, che ci rende capaci di professare la nostra fede in ogni ambito della nostra vita e professione.”
Ha ricostruito dettagliatamente il percorso umano e professionale del futuro Beato, Salvatore Cardinale, presidente emerito della Corte di Appello di Caltanissetta e collega di Rosario Livatino, che ha messo in evidenza il filo conduttore del suo percorso, prima come magistrato requirente presso la procura di Agrigento e poi come giudice del tribunale, rappresentato da “una vasta cultura, tenacia nel seguire le indagini, profonda aderenza ai valori costituzionali dell’autonomia e indipendenza della magistratura, capacità di coniugare la tradizione con l’attenzione ai cambiamenti sociali dei quali, secondo Livatino, il magistrato deve essere partecipe. Viveva la pratica religiosa con discrezione e senza nessuna ostentazione, viveva costantemente da credente la sua professione coniugando il rigore del suo lavoro con i valori cristiani dell’amore e della compassione per tutti gli uomini. Dai suoi diari, emerge con chiarezza il suo abbandono quotidiano alla volontà di Dio. Per Rosario Livatino, il magistrato deve dare un’anima alla legge e la legge è sempre un mezzo mai un fine. La giustizia intesa come frutto ultimo del diritto e la fede sono in un continuo rapporto tra di loro. Livatino è stato un educatore delle coscienze, un coraggioso estirpatore del seme velenoso della mafia, un martire di oggi, un martire della giustizia, della carità, della fede”.
“Uno dono per la Chiesa e la società tutta” la beatificazione di Rosario Livatino per Giuseppe Ferrise, consigliere diocesano dell'Azione Cattolica settore adulti, per il quale “Rosario Livatino dà lustro ai magistrati e agli studiosi di diritto e, in un momento difficile come quello che anche la magistratura sta attraversando, è un monito a riscoprire quella credibilità, tratto distintivo del suo percorso umano e professionale. Livatino è la sintesi di ciò che il cristiano è chiamato ad essere ed operare nella società civile e, in particolare, la sua testimonianza ci dimostra come sia possibile aderire alla vocazione battesimale di ognuno di noi in ogni ambito lavorativo e professionale”.
Hanno coordinato gli interventi, Saveria Maria Gigliotti e Salvatore D’Elia dell’ufficio per le comunicazioni sociali diocesano.

Articoli Correlati

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.