Avvenire di Calabria

L'arcivescovo di Reggio Calabria - Bova, monsignor Fortunato Morrone, ha presieduto la Solennità della Messa in Coena Domini in Cattedrale

Diocesi Reggio Calabria, Morrone ha celebrato la Messa in Coena Domini

L'omelia del pastore della Chiesa reggina: «L’Eucarestia non è una pia pratica o un’energia magica che sconfigge il male. È il Vangelo condensato»

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L'arcivescovo di Reggio Calabria - Bova, monsignor Fortunato Morrone, ha presieduto la Solennità della Messa in Coena Domini nella Basilica Cattedrale.

Messa in Coena Domini, la celebrazione di Morrone in Cattedrale

Proseguono i riti del Triduo pasquale presieduti dall'arcivescovo Morrone nella Basilica Cattedrale di Reggio Calabria. Poco fa si è conclusa la Solennità della Messa in Coena Domini durante la quale la Chiesa fa memoria dell'istituzione dell'Eucarestia.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


«È giunta l’ora. L’ora di Dio è l’ora della Gloria. Gesù si spoglia nella sua dignità, il suo cuore pulsa d’amore per noi. Lui ci lava i piedi. Forse il gesto della Lavanda dei piedi l’abbiamo un po’ banalizzato, teatralizzato. Cosa ci vuole dire Gesù con questo gesto?». Inizia con una domanda l'omelia del Giovedì Santo dell'arcivescovo reggino ha detto che «Il Signore parla a tutti. Per comprendere l’ora di Gesù bisogna ascoltare le letture odierne con attenzione, partendo dal memoriale della Pasqua tratta dal Libro dell’Esodo».

La Pasqua in Cristo

«La nostra Pasqua non è quella: seppure siamo dentro la tradizione ebraica, - ha detto il presule - Gesù ci insegna di non “passare oltre” come fa l'Angelo del Signore nell’Antico Testamento. Dio si ferma, si china e ci tocca nel nostro stesso sangue che è il suo. Gesù è la nostra Pasqua, è il nostro “passaggio”».

«Nel Vangelo di Giovanni, Gesù ha operato sette segni che richiamano a quest’ora. Via e nutrimento, il gesto della Lavanda dei Piedi è la somma di tutti i segni precedenti. Così Gesù - ha aggiunto Morrone - parla di sé con un ultimo gesto grandioso e scandaloso: li amò sino alla fine. Gesù è con noi nelle nostre miserie, nei nostri tradimenti. Sì, perché Giuda rappresenta tutti. Amatevi come io vi ho amato: la bella notizia è Gesù. Quel gesto della Lavanda dei Piedi è insuperabile perché viene da Dio. Possiamo provare a imitarlo per essere più umani».


PER APPROFONDIRE: Messa del Crisma a Reggio Calabria, l’omelia dell’arcivescovo Morrone


Il presule ha spiegato come «Gesù è disposto anche a essere tradito. È nudo di fronte alla mia e alla tua libertà: questo mi spiazza! Istintivamente non voglio essere fine in fondo in questo amore che so che può deludermi. Questo è l’atteggiamento di Pietro, è il nostro atteggiamento. Gesù è il Signore non perché ci sottomette, ma perché ci ama fino alla fine. Questo è il Regno di Dio. Se tu non ti lasci amare così, non avrai parte con me. Che fatica accettare questo “lasciati amare” se restiamo nella logica del “do ut des”, del precetto, della norma».

Il dono dell'Eucarestia

«L’Eucarestia non è un premio. Il Signore anche di fronte ai nostri “piedi sporchi” ci dice sempre: “Tu meriti il mio amore”. Solo dopo aver capito questo possiamo provare a rispondere alla sua domanda: “E tu mi ami?”. Se non entriamo dentro questo cammino di grazia, - ha spiegato il presule - non inizieremo mai il nostro cammino di conversione. Questa è la salvezza: non ci salviamo ma da soli, ma siamo sempre salvati da Dio. La fede è risposta grata, non è un concetto, non è un dogma. Sono felice grazie all’amore di Dio per me».

«L’Eucarestia non è una pia pratica o un’energia magica che sconfigge il male. È il Vangelo condensato. Se non si accoglie l’intenzione di Gesù, “lasciati amare”, allora non è il Pane santo. L’Eucarestia - ha evidenziato - è azione d’amore perdonante, misericordiosa. “Fate questo in memoria di me”, così lo spezzare il Pane ci fa Chiesa».

Infine, monsignor Morrone rivolgendosi ai fedeli presenti in Cattedrale ha concluso dicendo: «Gesù ci crede di amare e di pregare anche per coloro che ci fanno del male. Dio fa sorgere il sole sui buoni e sui cattivi. “Ho avuto fame e sete e tu mi hai nutrito e dissetato”. Protetto».

Verso il Venerdì Santo

I riti del Triduo pasquale presieduti dall'arcivescovo Morrone proseguiranno nella giornata di domani, 15 aprile, con un doppio appuntamento in Cattedrale di Reggio Calabria. Alle 17 sarà celebrata l'Azione liturgica in Passione Domini, mentre alle 19 del Venerdì Santo, i fedeli vivranno la Via Crucis nella Cattedrale intitolata a Maria Santissima Assunta in Cielo.

Articoli Correlati

Padre Mundjo Benoit riceve la cittadinanza onoraria di San Roberto

Si è spento padre Mundjo Benoit, domani le esequie a San Roberto

Il sacerdote Wilondja Mundjo Benoit, di origini congolesi, ha concluso ieri la sua vita terrena. Era il pastore della comunità di San Roberto (Reggio Calabria) dal 2002. Prima era stato vicario parrocchiale nella parrocchia San Pio X al Santuario di Modena. Si è sempre distinto per i suoi tratti umani e per la sua grande bontà. Era anche punto di riferimento per la comunità congolese a Reggio Calabria.

Scilla e la devozione per San Rocco

La Chiesa celebra oggi San Rocco, tra i santi più illustri del secolo XIV e uno dei più cari a tutta la cristianità. Da quasi sei secoli, la comunità di Scilla, rinnova il suo legame con il Santo Patrono.