Avvenire di Calabria

Amico degli orfani, oggi direttore dell’”Opera Antoniana” di Reggio

Don Domenico Crucitti ricorda i suoi 50 anni di sacerdozio

Parroco della chiesa di Sant'Antonio

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Cinquant’anni anni di sacerdozio sono una bella tappa e una buona occasione per fermarsi un pò per una verifica e un sentito grazie al Signore unito alla richiesta di perdono. La mia vocazione al sacerdozio parte dai miei primissimi anni all’interno di una famiglia numerosa e profondamente cristiana. Mia mamma quando avevo ancora pochi anni mi portava abitualmente alla Messa domenicale nella vicina parrocchia dello Spirito Santo e ben presto, già a sei anni, ho cominciato con gioia a fare il chierichetto. Per le scuole elementari sono stato iscritto all’Istituto orionino “San Prospero”, dato che mio papà da manovale lavorava anche per la sistemazione di quell’istituto. Posso rileggere questi anni come un cammino provvidenziale: il direttore di allora, don Arturo Filippini, tra circa 200 ragazzi che frequentavano, ne aveva individuati alcuni ai quali ha fatto la proposta di seguire il Signore in maniera particolare e in me è scattato il desiderio di essere come lui, che spendeva tutta la sua vita per noi ragazzi, senza badare a difficoltà, sacrifici e orari. Dopo tutto il percorso filosofico e teologico sono stato ordinato sacerdote nel Santuario di Sant’ Antonio da monsignor Giovanni Ferro. I miei 50 anni di sacerdozio sono inscindibili dalla mia vita di religioso (in questo anno compio anche 60 anni di vita religiosa). Nella famiglia di don Orione ho vissuto, e vivo, intensamente esperienze nelle varie opere alle quali sono stato destinato a Messina, Roma, Napoli e adesso a Reggio Calabria. Ringrazio sempre il Signore del fatto di aver potuto vivere a Roma (ove mi trovavo per gli studi teologici alla Gregoriana) la grande primavera del Concilio Ecumenico Vaticano II. Ho avuto anche la fortuna, per la stima dei superiori e dei confratelli, di partecipare ai momenti più importanti della vita della nostra famiglia religiosa in ben sette capitoli generali, facendo esperienza di internazionalità. Ricordo soprattutto quello del 1981 nel quale, in fedeltà alle indicazioni del Concilio, abbiamo aggiornato, rifacendole completamente, le nostre Costituzioni: rileggendole anche adesso ringrazio il Signore della ricchezza e della attualità che traspirano. Lo Spirito Santo veramente ha guidato il nostro lavoro. Momenti particolarmente significativi dello sviluppo della congregazione, nei quali sono stato coinvolto, sono stati poi quelli che ci hanno portato alla riscoperta della vocazione dei laici culminata nella costituzione del “Movimento laicale orionino”, come terzo ramo dell’albero della congregazione di don Orione, nel 1997. Quanto ho ricevuto in questi anni di vita religiosa e sacerdotale dai confratelli delle varie comunità, dai tanti collaboratori delle varie opere, da tutti gli assistiti e dalle tante persone incontrate! A tutti anzitutto il mio grazie ma anche le mie scuse per le risposte non sempre all’altezza.

Articoli Correlati

Don Luigi Orione, esempio cristiano di umanità e amore

Diceva a tutti che solo la carità può salvare il mondo e che «la perfetta letizia non può essere che nella perfetta dedizione di sé a Dio e agli uomini, a tutti gli uomini». La sua canonizzazione si deve alla miracolosa e completa guarigione di Pierino Penacca

San Francesco, quei ricordi che allenano alla gratitudine

Sono passati cinquant’anni da quando la chiesa di San Francesco a Sbarre è stata eretta a parrocchia. Il parroco, padre Pasquale Comito: «Nei giovani tanta voglia di vivere dei momenti di comunità: i loro volti parlano»

Don Pippo Curatola compie 50 anni di sacerdozio

Mezzo secolo da presbitero per il sacerdote che per 34 anni ha diretto il nostro giornale. Gli auguri della nostra redazione a un giornalista attento, un comunicatore efficace, un prete dal pensiero profondo e delicato che ha saputo confrontarsi con le sfide pastorali e comunicative del secolo breve e del nuovo millennio.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.