Avvenire di Calabria

L'arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova ha ufficializzato la conclusione di un percorso iniziato un anno e mezzo fa

Dottrina sociale della Chiesa, concluso il corso di Alta formazione a Reggio Calabria

Il percorso è stato sviluppato con l'Università Cattolica di Milano: presentati dieci progetti «per il cambiamento»

di Federico Minniti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dottrina sociale della Chiesa, concluso il corso di Alta formazione promosso dall’arcidiocesi di Reggio Calabria – Bova. Questo percorso formativo è stato sostenuto dall’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e dall’Istituto “Giuseppe Toniolo”. L'avvio risale a un anno e mezzo fa: venerdì si è, quindi, concluso un lungo lavoro di confronto e ricerca da parte dei partecipanti.

Il percorso

Lo scorso 28 maggio si è tenuto il momento finale del corso sulla Dottrina sociale della Chiesa, durante il quale sono stati presentati i project work degli iscritti. Al webinar hanno partecipato, oltre i corsisti, l’amministratore apostolico dell’arcidiocesi di Reggio Calabria – Bova, monsignor Giuseppe Fiorini Morosini, la coordinatrice dell’Osservatorio Giovani dell’Istituto Toniolo, Paola Bignardi, l’ordinario di Psicologia dell’UniCatt, Elena Marta e l’esperto di welfare e processi partecipativi, Gino Mazzoli.

Puoi scaricare tutti i project work sulla Dottrina sociale della Chiesa cliccando qui.

Le premesse

Monsignor Morosini ha voluto ringraziare «l’Università Cattolica per aver proposto un percorso che ritengo fondamentale per lo sviluppo del Polo culturale diocesano». Il vescovo ha aggiunto: «Il Covid-19 ci ha condizionati in maniera terribile; avremmo potuto sperimentarci meglio. Ma, nonostante questo, abbiamo lanciato un segnale: la Dottrina sociale della Chiesa può essere portata alla base della nostra comunità».

«L’iniziativa messa in campo con l’Università Cattolica e con l’Istituto Toniolo, prosegue monsignor Morosini, si affianca ai corsi del Istituto di formazione socio-politica “Monsignor Lanza”, è un’ulteriore offerta formativa che la nostra Chiesa locale garantisce sul territorio. Sono rimasto positivamente colpito dalle valutazioni e dall’entusiasmo dei docenti della Cattolica, hanno giudicato molto positivamente l’impegno degli studenti reggini e questo è un bene per la nostra Chiesa diocesana, che potrà contare su nuove competenze e su idee progettuali pronte per essere attuate».

Gli interventi

Durante la discussione dei project work, alcuni relatori hanno voluto sottolineare la bontà del lavoro svolto rispetto alle tematiche della Dottrina sociale della Chiesa. «Sono testimone dell’impegno messo in campo dal vescovo Morosini» ha commentato Paola Bignardi. Che sui corsisti ha detto: «Chi è giunto alla fine del percorso è stato davvero estremamente motivato. Abbiamo dimostrato che ci si può prendere davvero “sul serio” parlando di Dottrina sociale della Chiesa».

Gino Mazzoli ha sottolineato come «tutti i progetti presentati non sono assolutamente banali, anzi risultano contestualizzati e ingegnosi. Le idee sono molto operative, frutto della capacità di ascolto e di mettersi in discussione».

Le progettualità

Passando in rassegna le dieci idee progettuali ci sono tanti spunti interessanti. Dallo “spazio” in cui le famiglie possono trovare occasioni di dialogo al programma di promozione del volontariato all’interno degli istituti scolastici. Dal coinvolgimento dei giovani nella discussione politica ai percorsi di integrazione dei minori stranieri nella scuola primaria.

E ancora: il sostegno al ruolo educativo della famiglia rispetto all’età adolescenziale; la realizzazione delle pensiline per l’attesa dell’autobus su tutto il territorio della città di Reggio Calabria; il progetto di educazione informatica per l’inclusione sociale degli anziani nonché gli incontri di alfabetizzazione digitale. Infine, gli interventi in ambito scolastico sulla legge a tutela dei minorenni e la valorizzazione di tutte le buone pratiche di volontariato urbano.

I partecipanti

I corsisti che hanno partecipato all’Alta formazione sono: Annaelisa Infortuna, Luciano Arillotta, Valentina Murina, Arianna Lionte, Giuseppe Di Biasi, Concetta Lucia Foti, Sara Gramuglia, Valentina Falanga, Davide Maria Furforoso, Paolo Gorassini, Franco Condiorio e Domenico Oliva.

Articoli Correlati

La Chiesa calabrese festeggia monsignor Salvatore Nunnari

Oggi, l’Alto prelato reggino compie 82 primavere vissute nell’impegno costante verso gli ultimi. Dall’ordinazione sacerdotale di monsignor Ferro agli anni di missione episcopale tra Nusco e Cosenza. Le sue dichiarazioni a Avvenire di Calabria: «La Chiesa deve stare sempre vicino all’uomo che soffre».

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.