Avvenire di Calabria

Fresco di stampa il primo "Quaderno di Filosofia" (Città del Sole - Anassilaos): "Le strade vive della Filosofia"

Editoria, venerdì la presentazione del “Quaderno” di filosofia di Enzo Musolino

Autore e curatore il vicedirettore dell'Istituto "Mons. Lanza", Vincenzo Musolino, il volume è arricchito dai contribuiti del professor Flavio Felice e del filosofo Dario Antiseri

di Redazione web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Vincenzo Musolino, ricercatore universitario in metodologie della filosofia e vicedirettore dell'Istituto Superiore di Formazione Politico-Sociale "Mons. A. Lanza" della diocesi di Reggio Calabria - Bova, protagonista di una nuova iniziativa editoriale. 

"Le strade vive della Filosofia. Percorsi politici per l'oggi" è il primo volume dei Quaderni di Filosofia pubblicato a febbraio dalla casa editrice Città del Sole Edizioni, su iniziativa dell'Associazione Anassilaos.


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


La presentazione del "quaderno" avverrà venerdì primo aprile, alle 17, nel cortile della Chiesa degli Ottimati di Reggio Calabria (entra via Monsignor Ferro, 4). Presente l'autore, Vincenzo Musolino, relazionerà il professor Fabio Palumbo, ricercatore universitario in filosofia e psicologia.

L'iniziativa editoriale

Da Hanna Arendt a Aldo Moro, da Agnes Heller a Papa Francesco, l'opera è una sorta di "riflessione corale" su Teologia e Politica, su Nonviolenza e Laicità. Il volume ai avvale del contributo del Magister Dario Antiseri, mentre la prefazione è del professor Flavio Felice.

Per diretta ammissione del curatore e autore di tale progetto editoriale, il filo rosso che lega i contributi presenti nel volume è «il concetto di “Terza Via”. Una nozione politica ed economica che negli ultimi mesi è tornata ad assumere un certo interesse; complice anche il quadro politico ed economico congiunturale che sembra aver scosso alcune convinzioni rivelatesi tutt’altro che incontrovertibili».

Per “Terza Via”, scrive nella prefazione Flavio Felice «non si rinvia ad un partito o comunque ad una eventuale inedita posizione ideologica ipostatizzata in qualche forma associativa.

La collana filosofica a cura del professor Vincenzo Musolino

«La “Terza Via", così cara all’economista svizzero-tedesco Röpke e ripresa dal futuro presidente della Repubblica Luigi Einaudi, sul fronte della cultura politica liberale italiana, e da Alcide De Gasperi, su quello del popolarismo legato alla teoria politica di Luigi Sturzo, può esprimere ancora un approccio fecondo e produttivo nella misura in cui - ancora Felice - mostrerà di sapersi innestare nella contingenza e di portare quel buon senso e quel pragmatismo che costituiscono uno stimolo fondamentale al successo del processo democratico, il cui asse portante sia la dignità della persona umana, dell’“uomo medio”, non dell’eroe e neppure del martire, per usare un’espressione ed un argomento sviscerati da Luigi Einaudi nella rappresentazione dei caratteri del “buon governo"».


PER APPROFONDIRE: Istituto Lanza. La prolusione del vescovo Morrone sulla giustizia sociale


Destra, Sinistra, Liberalismo, Socialismo, Riformismo, Società Aperta, Religione, Laicità; ma anche Hannah Arendt, Giuseppe Rensi, Carlo Rosselli, Agnes Heller, Carlo Antoni, Wilhelm Röpke, Aldo Moro, Carl Schmitt; fino alla "Fratelli tutti" di Francesco, Emanuele Felice e Giuseppe Provenzano. Questi i temi e i protagonisti oggetto degli articoli proposti in questo "Quaderno di Filosofia" a cura del professor Vincenzo Musolino.

A questi articoli, si aggiungono  due "contributi speciali" su "Cristianesimo, secolarizzazione e laicità dello Stato" e su "I discorsi sull'Europa di Papa Francesco". Li firma uno dei più importati filosofi italiani viventi, Dario Antiseri.

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.