Giornata di preghiera e digiuno per la Pace, ecco come viverla – avveniredicalabria

avveniredicalabria

Indetta da Papa Francesco, sarà offerta spiritualmente alle popolazioni della Repubblica Democratica del Congo e del Sud Sudan

Giornata di preghiera e digiuno per la Pace, ecco come viverla

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Si terrà venerdì, 23 febbraio, la Giornata di preghiera e digiuno per la Pace indetta da Papa Francesco.

«Dinanzi al tragico protrarsi di situazioni di conflitto in diverse parti del mondo - ha detto papa Francesco nell'Angelus di domenica 4 febbraio -, invito tutti i fedeli ad una speciale Giornata di preghiera e digiuno per la pace il 23 febbraio prossimo, venerdì della Prima Settimana di Quaresima. La offriremo in particolare per le popolazioni della Repubblica Democratica del Congo e del Sud Sudan. Come in altre occasioni simili, invito anche i fratelli e le sorelle non cattolici e non cristiani ad associarsi a questa iniziativa nelle modalità che riterranno più opportune, ma tutti insieme». «Il nostro Padre celeste ascolta sempre i suoi figli che gridano a Lui nel dolore e nell’angoscia, «risana i cuori affranti e fascia le loro ferite» (Sal 147,3). Rivolgo un accorato appello perché anche noi ascoltiamo questo grido e, ciascuno nella propria coscienza, davanti a Dio, ci domandiamo: “Che cosa posso fare io per la pace?”. Sicuramente possiamo pregare; ma non solo: ognuno può dire concretamente “no” alla violenza per quanto dipende da lui o da lei. Perché le vittorie ottenute con la violenza sono false vittorie; mentre lavorare per la pace fa bene a tutti!», ha concluso il Pontefice.

Per vivere al meglio questo momento, che sarà offerto spiritualmente alle popolazioni della Repubblica Democratica del Congo e del Sud Sudan, è possibile consultare a questo link del materiale utile per il discernimento.

Articoli Correlati

Oggi è San Giuseppe Moscati, il dottore degli emarginati

«Chi ha, metta. Chi non ha, prenda» è la frase che ancora oggi anima tanti medici devoti del Santo nella loro azione di medicina di prossimità. Due gli esempi anche a Reggio Calabria: l’Ace di Pellaro e l’Ambulatorio Smail di Villa San Giovanni. Oggi è San Giuseppe Moscati, il dottore degli emarginati: mai venne meno al suo servizio di quotidiana e infaticabile opera di assistenza ai malati, per la quale non chiedeva alcun compenso ai più poveri.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.