Avvenire di Calabria

La vicinanza e la solidarietà del vescovo Milito e dell'Associazione di cui il giudice Ilario Nasso è stato socio

Giudici minacciati a Vibo Valentia, la solidarietà dell’Azione Cattolica oppidese

Giuliano e Spizzica: «La nostra è una scelta di campo, stiamo dalla parte di chi si batte per l'affermazione della legalità»

di Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Giudici minacciati del tribunale di Vibo Valentia. A manifestare vicinanza e sostegno è anche l'Azione Cattolica della diocesi di Oppido-Palmi, insieme al vescovo, monsignor Francesco Milito.

L'Azione Cattolica della diocesi di Oppido-Palmi, «appresa la triste notizia delle gravi minacce rivolte, da anonimi vigliacchi» ha espresso vicinanza, solidarietà e sostegno al giudice Ilario Nasso, «caro amico ed illustre socio della nostra associazione».


Non perdere i nostri aggiornamenti, segui il nostro canale Telegram: VAI AL CANALE


In una nota a firma della presidente diocesana dell'Azione Cattolica oppidese, Angela Giuliano e di don Antonio Spizzica, assistente unitario diocesana, l'Azione Cattolica della Chiesa di Oppido - Palmi, esprime inoltre vicinanza alla madre di Nasso (finita anch'essa al centro delle minacce) e alla dottoressa Tiziana di Mauro, anch'essa giudice del Tribunale civile di Vibo Valentia.

Solidarietà ai due giudici minacciati del tribunale di Vibo Valentia espressa in comunione con il vescovo di Oppido-Palmi, monsignor Francesco Milito.

Nel ribadire la scelta di campo («scegliamo di stare dalla parte della legalità»), l'Azione cattolica della diocesi di Oppido-Palmi ripudia e condanna «tutte le espressioni dirette e subdole di male che non solo turbano i cuori ed il quieto vivere di chi si dedica laboriosamente ed onestamente al proprio dovere, ma mortificano ancora di più questa difficile terra, benedetta da Dio, anche grazie l’opera di questi uomini e donne».

Giudici minacciati a Vibo Valentia, l'Ac di Oppido Palmi: «Noi, con chi combatte l'illegalità»

«In attesa che le Autorità competenti, nelle quali sempre confidiamo, possano presto fare luce sull’inquietante episodio, il dottor Nasso e la sua Collega - scrivono Angela Giuliano e don Spizzica - sappiano che non sono soli nel loro lavoro ed in ogni battaglia contro l’illegalità in tutte le sue forme e nel contrasto ad ogni forma di atteggiamento mafioso che danneggia l’immagine del nostro territorio e penalizza i cittadini onesti».


PER APPROFONDIRE: Minacce ai giudici di Vibo Valentia, la vicinanza del vescovo Nostro


Conclude la lettere di solidarietà ai giudici minacciati di Vibo Valentia: «Alle azioni di male vogliamo contrapporre sempre le opere di bene, ricordando ed offrendo ad esempio il Beato Rosario Livatino, il “giudice ragazzino”, figura molto cara al dottor Ilario Nasso, proclamato da San Giovanni Paolo II, martire della Giustizia, magistrato operoso, discreto e, nel contempo, risoluto, pienamente consapevole dell’alta funzione ricoperta e del suo valore, non solo giuridico ma anche spirituale e sociale, che con forza ha lavorato affinché il mondo del diritto (in tutte le sue componenti) e, indirettamente, della società civile diventi sempre più pienamente “credibile”, vero baluardo contro le ingiustizie ed ogni forma di sopraffazione».

Articoli Correlati

50 anni fa a Riace il ritrovamento dei Bronzi

Era il 16 agosto del 1972 quando al largo delle coste di Riace, in Calabria, dopo una segnalazione del sub Stefano Mariottini, i carabinieri riportavano alla luce due statue uniche al mondo, i Bronzi di Riace.