Avvenire di Calabria

L'arcivescovo Morosini benedirà i giovani della Cooperativa "Cinque Talenti" e tutti gli agricoltori della zona

I terreni della Chiesa reggina per il lavoro dei giovani

Sabato la prima vendemmia sociale a Sambatello grazie a un progetto dell'Istituto Sostentamento Clero

Redazione Web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Si terrà sabato 16 settembre la vendemmia sociale della Cooperativa Agricola Cinque Talenti, nata nell’anno 2016 a seguito  del “Progetto Bene 2.0.”, portato avanti dall’Istituto Diocesano per il Sostentamento del Clero della Diocesi di Reggio-Bova. Il Progetto prevede la promozione e l’individuazione di terreni dell'Istituto situati nella Provincia di Reggio Calabria, da affidare gratuitamente a giovani disposti a mettersi in gioco attraverso la creazione di realtà imprenditoriali.
L’obiettivo del progetto è quello di ridare dignità al lavoro, inteso come fatica di ogni giorno che porta frutto e dona dignità alla vita tramite l’impegno quotidiano.
Impegno che trova il suo culmine nella vendemmia dei vigneti, cui i giovani della cooperativa dedicano attenzioni, cura e amore giorno dopo giorno.
La vendemmia di quest’anno assume una valenza particolare, non solo perché è la prima dalla nascita della cooperativa "Cinque Talenti" e del "Progetto Bene 2.0", ma soprattutto perché vuole essere condivisa con tutta la comunità dei produttori locali, cui verrà impartita la benedizione da parte di S.E. Monsignor Giuseppe Fiorini Morosini, Arcivescovo metropolita di Reggio Calabria-Bova.
All’iniziativa, che prenderà il via alle ore 9.00 presso i vigneti della Cooperativa siti in Contrada Mirto a Sambatello (RC), saranno presenti anche il Sindaco della Città Metropolitana di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, il Presidente del Consiglio della Regione Calabria, Nicola Irto, il presidente della Camera di Commercio di Reggio Calabria, Ninni Tramontana e il presidente provinciale di Coldiretti, Stefano Bivone.

Articoli Correlati

Da giovane ‘ndranghetista ad agricoltore libero

«Iniziai il mio apprendistato criminale con furti, alcuni danneggiamenti, delle intimidazioni». Poi il carcere minorile a diciassette anni, la paura di morire ammazzato nella faida in corso. «Della realtà mafiosa vedevo soltanto il “rispetto”, ossia il riconoscimento sociale e la ricchezza». A salvarlo la pedagogia del lavoro, quello pulito, «ho potuto realizzare il mio sogno nascosto: ho messo in piedi una piccola azienda agricola».

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.