Avvenire di Calabria

Giovedì 4 maggio nella Chiesa di San Giorgio al Corso di Reggio Calabria

Incontro di preghiera organizzato dai Lavoratori di Ac

Tema dell’incontro: «ll lavoro dignitoso: libero, creativo, partecipativo e solidale»

Gaetana Covelli

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

«ll lavoro dignitoso: libero, creativo, partecipativo e solidale». Questo il tema della veglia di preghiera organizzata dal Mlac (Movimento Lavoratori Azione Cattolica) dell’arcidiocesi di Reggio–Bova, in occasione dalla festività di San Giuseppe lavoratore.

L’appuntamento è fissato per il 4 maggio alle 19, presso la Chiesa di San Giuseppe al Corso.Sarà presente all’incontro – aperto a tutti – l’assistente diocesano di Azione Cattolica, don Pasqualino Catanese, parroco di “Santa Maria Odigitria”.

Il Mlac si propone attraverso il lavoro, di essere destinatario del dono della creazione e partecipe dell’opera di Dio perché, insegna il Concilio, «Gli uomini e le donne, infatti, che per procurarsi il sostentamento per sé e per la famiglia, esercitano le proprie attività così da prestare anche conveniente servizio alla società, possono a buon diritto ritenere che col loro lavoro essi prolungano l’opera del Creatore, si rendono utili ai propri fratelli e danno un contributo personale alla realizzazione del piano provvidenziale di Dio nella storia» (GS 34).

Articoli Correlati

Riscoprire la dignità del lavoro nel nostro territorio

La mostra sarà inaugurata domani 25 marzo 2017 alle 19.30, alla presenza, tra gli altri, del Vescovo di Cassano monsignor Francesco Savino e resterà esposta anche domenica 26. Quindi diventerà itinerante a partire dal Congresso nazionale del MLAC che si svolgerà a fine mese a Lamezia Terme.

Mostra fotografica su “Lavoro e dignità”

Sarà allestita una mostra fotografica presso San Giorgio al Corso e si condividerà con i passanti l’idea della dignità del lavoro dignitoso. Le parrocchie possono inviare 2 foto, una che rappresenti la denuncia, un’altra di esempio virtuoso e di rispetto della dignità della persona.

This website uses cookies to ensure you get the best experience on our website.